No all’ipotesi della costituzione dell’Irccs al Policlinico di Messina dei segretari generali di Cgil e Uil

19 Marzo 2021 Politica

“Ferma contrarietà e forti preoccupazioni”. A ribadire il no all’ipotesi della costituzione dell’Irccs al Policlinico di Messina sono i segretari generali di Cgil e Uil Messina Giovanni Mastroeni e Ivan Tripodi, insieme ai segretari delle categorie Flc-Cgil e Uil Rua Pietro Patti e Angelo Alessandrino.
“Il profondo dissenso – osservano gli esponenti sindacali – è legato, in primis, al metodo utilizzato, che è caratterizzato dal mancato rispetto delle vigenti norme contrattuali e dalla violazione delle prerogative sindacali: non vi è stato sino ad oggi il confronto sia con il sindacato che con il territorio. Infatti, il sindacato è stato costretto a chiedere alla Regione l’accesso agli atti relativi alla proposta in oggetto. Il dissenso è anche sul merito della questione poiché vi è il concreto rischio di un pesante taglio dell’offerta della sanità pubblica nel nostro territorio e della funzione sociale che lo stesso Policlinico oggi svolge. Tutto ciò, fra l’altro, avviene in questa fase di grave pandemia che certamente è il momento meno opportuno per pensare ad alchimie che sono lontane dagli interessi della collettività”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione