19 Marzo 2021 Politica e Sindacato

No all’ipotesi della costituzione dell’Irccs al Policlinico di Messina dei segretari generali di Cgil e Uil

“Ferma contrarietà e forti preoccupazioni”. A ribadire il no all’ipotesi della costituzione dell’Irccs al Policlinico di Messina sono i segretari generali di Cgil e Uil Messina Giovanni Mastroeni e Ivan Tripodi, insieme ai segretari delle categorie Flc-Cgil e Uil Rua Pietro Patti e Angelo Alessandrino.
“Il profondo dissenso – osservano gli esponenti sindacali – è legato, in primis, al metodo utilizzato, che è caratterizzato dal mancato rispetto delle vigenti norme contrattuali e dalla violazione delle prerogative sindacali: non vi è stato sino ad oggi il confronto sia con il sindacato che con il territorio. Infatti, il sindacato è stato costretto a chiedere alla Regione l’accesso agli atti relativi alla proposta in oggetto. Il dissenso è anche sul merito della questione poiché vi è il concreto rischio di un pesante taglio dell’offerta della sanità pubblica nel nostro territorio e della funzione sociale che lo stesso Policlinico oggi svolge. Tutto ciò, fra l’altro, avviene in questa fase di grave pandemia che certamente è il momento meno opportuno per pensare ad alchimie che sono lontane dagli interessi della collettività”.