Arrestato in Grecia il latitante di mafia Mario Giulio Calderone, inserito nell’elenco dei “latitanti Pericolosi”

22 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Nella mattinata di oggi, su attivazione dei Carabinieri di Messina, la Polizia greca ha arrestato nei pressi della città di Larissa (Grecia), il latitante di mafia Mario Giulio Calderone cl. 1957, elemento di spicco della famiglia mafiosa dei “barcellonesi” ed inserito dal 2016, nell’elenco dei “latitanti pericolosi” redatto dal Gruppo Integrato Interforze per la ricerca dei Latitanti (G.I.I.R.L.) del Ministero dell’Interno. 

CALDERONE era latitante da oltre dieci anni, in quanto colpito da una condanna definitiva per il reato di associazione di tipo mafioso, poiché riconosciuto organico alla famiglia mafiosa dei barcellonesi, operante a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) e sul versante tirrenico della provincia di Messina, formazione criminale storicamente collegata a cosa nostra palermitana e catanese e tra le più sanguinarie e meglio organizzate militarmente del panorama mafioso della provincia peloritana. 

Le indagini per la ricerca del latitante sono state sviluppate dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Messina, su delega della Procura Distrettuale Antimafia di Messina, grazie anche ad un contributo di intelligence fornito dall’Agenzia Interna, che ha consentito di localizzare CALDERONE in un’abitazione sita nella località greca di Pyrgos - Polydendri Agias, dove la compagna del latitante dimorava da tempo sotto falso nome. 

L’intervento delle Autorità greche è stato richiesto dai Carabinieri tramite Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia - Divisione SIRENE che ha attivato il Fugitive Active Search Team ellenico, facente parte del European Network of Active Fugitive Search Teams (Enfast). L’arresto è stato eseguito in esecuzione del Mandato d’Arresto Europeo emesso a carico del latitante dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Messina in virtù di una condanna definitiva a 6 anni, 11 mesi e 19 gg. di reclusione inflitta a CALDERONE a conclusione dell’indagine “Mare Nostrum” degli anni ’90. 

CALDERONE è ritenuto elemento di spiccata caratura criminale ed era l’ultimo degli affiliati mafiosi - ancora in stato di latitanza - della famiglia mafiosa dei “barcellonesi”, indicato da numerosi collaboratori di giustizia, quale persona un tempo molto vicina a Giuseppe GULLOTTI, capo storico della consorteria mafiosa, attualmente detenuto.

L’arresto del latitante di inquadra nell’ambito della progressiva manovra di contrasto coordinata dalla Procura Distrettuale di Messina nei confronti della famiglia mafiosa barcellonese, la cui esistenza e operatività è stata negli anni accertata con varie sentenze all’esito di numerosi procedimenti penali (Mare Nostrum, Icaro, Eris, Vivaio, Pozzo, Gotha, ecc..) che ne hanno decimato le fila con l’arresto e la condanna di capi storici e gregari, documentandone la struttura associativa, il modus operandi e gli efferati delitti, nei vari periodi di riorganizzazione interna del sodalizio, fino all’ultimo intervento repressivo, eseguito nel febbraio del 2020 con l’operazione “Dinastia” del ROS e del Comando Provinciale Carabinieri di Messina.

Al termine delle ordinarie procedure di estradizione a cura del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, CALDERONE sarà trasferito in Italia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione