CONFISCATI BENI PER DIECI MILIONI DI EURO AL COMMERCIANTE DOMENICO LA VALLE

23 Marzo 2021 Inchieste/Giudiziaria

Il patrimonio milionario, stimato in circa 10 milioni di euro, tra attività commerciali, appartamenti, veicoli, conti correnti, dell'imprenditore e pasticciere 60enne Domenico La Valle, ritenuto dalla Dda 'organico' al clan mafioso di Mangialupi, da ieri è nella mani dello Stato. La sezione Misure di prevenzione del Tribunale, presieduta dal giudice Maria Vermiglio, ha infatti disposto la confisca di beni e conti correnti di Domenico La Valle, sequestrati nelle operazioni della Guardia di Finanza 'Domino' e 'Last Bet'. L'unica attività che gli è stata restituita è il 'Laboratorio di Pasticceria La Valle sic'. Nei confronti di La Valle è stata disposta, inoltre, la misura della sorveglianza speciale per 5 anni con obbligo di soggiorno.

I beni confiscati

L'elenco è lunghissimo tra beni mobili, immobili, aziende e società, una tabaccheria, un gommone e svariati appartamenti. In particolare, la ditta individuale “Scimone Antonino”, con sede legale a Messina in via Tommaso Cannizzaro 262 e sede operativa in via Corbino Orso; società “Cmslot srl”, con sede legale a Messina in via Tommaso Cannizzaro 262 e sede operativa in via Corbino Orso; società “Scimone Better srl”, con sede legale a Messina in via Don Minzoni 199/a; rivendita di generi di monopolio n. 198, ubicata in via Taormina 8; ditta individuale “Nuovo centro scommesse di Davide Romeo”; “Bar La Valle”, in via Vecchia comunale, di proprietà di Grazia Megna; appartamento di 4 vani e accessori e bottega con annesso cortiletto, entrambi in via Vecchia Comunale Gazzi 40; due immobili a Contesse-Gazzi di 3,5 vani ciascuno; altri quattro immobili di 5 e 3,5 vani e lastrico solare in via Vecchia Comunale; un magazzino e locale deposito di 451 mq in via Corbino Orso; un laboratorio di 50 mq in via Catania, un immobile di 4 vani in via Comunale, al Villaggio Santo; un’abitazione civile di 12 vani in via Cottone; sempre in via Cottone, due posti auto e un garage; in via Corbino Orso, due magazzini di 143 e 157 mq. E ancora: villa e relative pertinenze del complesso Baia Verde, a Rodia; una bottega in via Vecchia Comunale, di proprietà di Alessio La Valle; un gommone Gremar; un’Audi A3 cabrio e una Bmw 420d cabrio; conti correnti, conti deposito a risparmio.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione