Messina, Autostrade Siciliane e sindacati si riuniscono all’insegna della condivisione

26 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Incontro tra la Governance di Autostrade Siciliane e le segreterie regionali e territoriali delle Organizzazioni Sindacali dei Trasporti. Per il Consorzio erano presenti il presidente avv. Francesco Restuccia, la vice presidente avv. Chiara Sterrantino e il direttore generale ing. Salvatore Minaldi.

La riunione è stata l’occasione per proseguire il dialogo già intrapreso tra azienda e sindacati, all’insegna della condivisione del nuovo percorso nato a seguito dell’approvazione all’ARS del Disegno Di Legge 783. È di fatto iniziato l’iter che trasformerà il Consorzio per le Autostrade Siciliane da Ente Pubblico Regionale Non Economico a Ente Pubblico Economico, svincolandolo dalla Legge Regionale 9 e concedendo così l’opportunità di accogliere le richieste di applicazione ai lavoratori del contratto nazionale autostrade e trafori. Tema che in passato ha dato vita a forme di confronto dialettico a volte anche molto accese. Al termine dell’incontro, proficuo e partecipato, è stata espressa piena soddisfazione da tutte le sigle sindacali e della governance di Autostrade Siciliane; è stato inoltre predisposto un calendario di appuntamenti che vedrà tra i prossimi punti anche la discussione della riorganizzazione del personale e la condivisione di una nuova pianta organica.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione