13 Aprile 2021 Giudiziaria

Terme Vigliatore (ME). Bimba di 11 mese muore dopo febbre alta: Procura dispone autopsia e sequestra gli atti

Una bimba di appena 11 mesi è morta in circostanze ancora da chiarire: aveva accusato febbre alta dopo avere fatto il normale vaccino previsto per tutti i neonati entro il 1° anno di vita.

La piccola che avrebbe compiuto un anno il prossimo 27 aprile è deceduta domenica mattina, intorno alle 6, nella sua abitazione di Terme Vigliatore, in provincia di Messina. Gli avvocati della famiglia, Gaetano e Carmelo Pino, hanno presentato una denuncia alla Procura, con cui chiedono anche l’esame autoptico sul corpo della bambina.

I carabinieri, a seguito della denuncia, su disposizione del pm, hanno già sequestrato la salma e la relativa documentazione in attesa che nelle prossime ore venga disposta l’autopsia.

Secondo quanto riferito dai legali, in base al racconto dei genitori, la piccola era stata sottoposta alla vaccinazione obbligatoria prevista entro il primo anno di vita il 6 aprile. “Rientrata a casa – riferiscono i legali – si sarebbe manifestata la febbre e sarebbe iniziata la normale profilassi con il paracetamolo”.

“La febbre – aggiungono gli avvocati – sarebbe salita sabato sera fino a 39°. È stato, quindi, richiesto l’intervento del 118, che ha trasportato la bimba al pronto soccorso di Milazzo. Dopo la visita dei sanitari, le sarebbe stato prescritto l’antibiotico, con la conseguente dimissione. Dopo il rientro a casa le condizioni della bambina non sarebbero migliorate e nella mattina di domenica 11 aprile è stato richiesto un nuovo intervento del 118. Tuttavia, per la piccola non c’è stato nulla da fare: è morta poco dopo l’arrivo dell’ambulanza”.

Nell’esposto alla Procura, i legali della famiglia hanno richiesto il sequestro dei documenti relativi alla somministrazione del vaccino e degli interventi del 118, nonché la cartella clinica e le registrazioni delle chiamate d’emergenza di sabato sera e di domenica mattina alle centrale operativa del 118”.