9 Maggio 2021 Attualità

La riflessione di Calogero Centofanti: Rosario Livatino, Primo Giudice Beato

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Calogero Centofanti, profondo conoscitore della vita del giudice Livatino a cui da tani anni ha dedicato un prestigioso premio.

Oggi Papa Francesco eleverà agli onori degli altari, quale Beato il primo appartenente dell’ordine giudiziario, nella persona del Giudice Rosario Livatino, trucidato proditoriamente il 21 Settembre del 1990, da parte della terribile cupola mafiosa , detta “Stidda”.

Il Movimento Nuova Presenza Giorgio La Pira, salutando lo storico evento, come sublime dono, elargito dalla celeste Provvidenza, ricorda come da tempo ha istituito a Messina il Premio “Pro Bono Iustitiae”, con il quale, perpetrando la luminosa memoria del togato di Canicattì, conferisce ai Signori Giudici ed a Rappresentanti del personale amministrativo giudiziario, testimonianze d’incoraggiamento, intese come spontaneo sostegno civile all’esercizio della missione di giustizia. Il Movimento esprime un vibrante Grazie alla comunità ecclesiale agrigentina, che sotto la lungimirante visione del Cardinale Padre Francesco Montenegro, ha fatto sì che venissero raccolte in voluminosi testi, gli atti misericordiosi della vita di Livatino, che lo hanno portato ad unirsi alla Congregazione dei Santi.