Quei piccoli parchi giochi nati già morti

18 maggio 2017

C’è una legge che permette interventi compensativi in caso di cementificazioni di una certa consistenza (sono opere di urbanizzazione da realizzare e cedere al Comune in caso di lottizzazione in zona “C”). Il problema è che vengono cedute al Comune che dovrebbe farsi carico della manutenzione. Forse all’origine pensata per il bene del territorio, è diventata nel tempo, come ogni cosa italiana, una grande presa per il culo. Una beffa che fa tanto rabbia. Le imprese ti creano piccoli spazi verdi, piccolissimi parchi giochi, e loro alzano muri, realizzano ville, sventrano colline. Peccato che poi, come nel caso in fotografia (verde pubblico attrezzato) a Granatari (zona nord di Messina) le aree vengano totalmente abbandonate, non fruite. Insomma, fatte marcire in nome del dio cemento e di un falso, ingannevole accordo tra le parti. Che poi una delle due parti siano i cittadini, questo conta davvero poco…