Vialli commosso sul cancro: “Due obiettivi, non morire prima dei genitori e portare le figlie all’altare”

3 dicembre 2018
“Faccio fatica a dirlo ma credo che questa esperienza, di cui si farebbe volentieri a meno, mi abbia reso una persona migliore. Ti aiuta a vedere le cose in un altra prospettiva, dai più valore alle cose, alla famiglia, devi prenderti cura di te stesso”. Così Gianluca Vialli, ospite di Fabio Fazio a ‘Che Tempo che fa su Rai1’, ha raccontato la sua battaglia più difficile, quella con il cancro, che al momento ha superato. Il campione ha aggiunto: “L’ho affrontato come quando facevo il calciatore. Mi sono dato subito degli obiettivi a lunga scadenza: non morire prima dei miei genitori e portare le mie figlie all’altare. E poi degli obiettivi a breve scadenza: l’operazione, la degenza, la chemio, la radio, le vacanze in Sardegna con un fisico da far vedere”.
Vialli ha poi voluto ringraziare i tifosi che hanno esposto striscioni di solidarietà negli stadi: “E’ stato bellissimo e commovente, sono passati tanti anni ma si ricordano ancora…”

 

video Rai