BARCELLONA PG: Il Riesame per l'avvocato Rosario Cattafi, la difesa ricusa i giudici. L'accusa ha depositato nuovi atti tra cui i verbali di un pentito catanese che ha fornito nuove dichiarazioni sul legale barcellonese

20 Marzo 2013 Cronaca di Messina

CATTAFI Rosario Pio

Si ferma, almeno per il momento, il nuovo giudizio davanti al Tribunale del Riesame di Messina dopo il rinvio della Cassazione per l’avvocato barcellonese Rosario Cattafi, arrestato nel luglio scorso nell’operazione “Gotha 3” e ritenuto dalla Dda il vertice della famiglia mafiosa barcellonese. I suoi due difensori, gli avvocati Giuseppe Carrabba e Giovambattista Freni, dopo aver presentato un’istanza di astensione che il collegio del Riesame presieduto dal giudice Antonino Giacobello ha rigettato, sono andati oltre depositando un’istanza di ricusazione, che è stata trasmessa al presidente della corte d’appello Nicolò Fazio per la decisione. Alla base dell’istanza il fatto che, secondo i legali, i giudici del Riesame sono gli stessi che si sono occupati in sede di Misure di prevenzione nelle scorse settimane del patrimonio di Cattafi, e glielo hanno restituito. Intanto l’accusa, rappresentata in udienza dai sostituti della Dda Angelo Cavallo e Vito Di Giorgio, ha depositato nuovi atti tra cui i verbali di un pentito catanese che ha fornito nuove dichiarazioni sul legale barcellonese. NUCCIO ANSELMO – GDS

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione