Trento: Vende pneumatici online e viene truffato. 40enne messinese agli arresti domiciliari

24 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Aveva messo in vendita degli pneumatici online a settembre, ma l'acquirente, al momento della transazione, con uno stratagemma gli aveva portato via 2000 euro. La condanna per chi ha truffato l'uomo di San Martino di Castrozza è arrivata nella mattinata di mercoledì 24 marzo, quando i carabinieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare, agli arresti domiciliari, emessa dal Gip di Trento, su richiesta della locale Procura della Repubblica. A finire agli arresti domiciliari sono stati un 40enne residente a Messina e un 26enne della provincia di Teramo, ritenuti responsabili di truffa in concorso, in danno del cittadino di San Martino di Castrozza.

L’uomo - come racconta il quotidiano on line trentotoday -  lo scorso settembre, ha denunciato al Comando dei carabinieri di Primiero San Martino di Castrozza, di avere subito una truffa online, per la vendita di pneumatici su un noto sito. Contattato da un possibile compratore, senza alcun tentativo di contrattazione sul prezzo, ha acconsentito a effettuare il pagamento con “versamento online” ed è stato invitato a recarsi al più vicino sportello automatico, per riscuotere l’importo, previa digitazione di un codice segreto, che gli sarebbe stato fornito dall’acquirente, una volta dinnanzi allo sportello Atm.

La procedura in realtà, invece di autorizzare la transazione, avrebbe ricaricato una carta di credito di proprietà dell’interlocutore ignoto. Inoltre, non potendo l’operazione condurre ad alcuna riscossione di denaro, dopo il primo tentativo, il truffatore ha incoraggiato il venditore a ripetere il prelievo con un “nuovo codice”, portando il truffato a fare una seconda transazione di ricarica, su un’altra carta, sottraendo alla vittima 2000 euro.

Il denunciante ha realizzato di essere stato vittima di una truffa e si è recato alla stazione dei carabinieri per sporgere denuncia. Le indagini avviate dai militari di Primiero San Martino di Castrozza hanno portato a identificare i due truffatori, ciascuno intestatario di una delle due carte ricaricate, M.C. 26enne di Martinsicuro (TE) e M.G. 40enne di Messina, entrambi già segnalati per precedenti specifici. Per quanto emerso dalle indagini, la Procura della Repubblica Tridentina ha concluso per richiedere l’emissione del provvedimento cautelare, la cui esecuzione è stata curata dai carabinieri delle Stazioni di Martinsicuro e Messina-Gazzi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione