Messina, Polizia Municipale: agente aggredita durante i controlli sul conferimento rifiuti

29 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Ieri un agente della Polizia Municipale in servizio nella squadra Ambiente e Rifiuti, mentre era impegnata in un servizio specifico a Casa Bianca, è stata aggredita da una signora che era stata verbalizzata per avere abbandonato i rifiuti per strada.

La signora, dopo essere stata colta nella flagranza del fatto, dapprima inveiva contro gli agenti della Polizia Municipale e, successivamente nella fase di firma del verbale, tentava la fuga. Raggiunta dall’agente della Polizia Municipale, che ne ostacolava la fuga, la signora si divincolava e spingeva con violenza l’Agente facendola rovinare a terra. Attivati i soccorsi, l’Agente veniva trasportata all’Ospedale per gli accertamenti, che sono ancora in corso. L’ autrice dell’aggressione veniva rintracciata e condotta in caserma per l’identificazione ed elezione di domicilio.

Sempre ieri è stato segnalato un camion che eseguiva uno scarico abusivo di materiale inerte sul torrente San Filippo. Intervenuta la pattuglia della Polizia Municipale, intercettava il mezzo e, dopo i primi accertamenti, contestava all’autista il reato ambientale commesso procedendo al sequestro del mezzo.

“Abbiamo appreso dai media di un increscioso episodio avvenuto ad un agente della polizia municipale di Messina, aggredita da una donna che aveva multato perché ha abbandonato i rifiuti in strada. Come Messinaservizi Bene Comune siamo vicini a tutti i vigili urbani in servizio nella squadra Ambiente e Rifiuti che svolgono, con abnegazione,​ ogni giorno​ un’ attività di contrasto alle condotte illecite in tema di rifiuti e sono purtroppo spesso vittime di aggressioni”. Lo dice il presidente di Messinaservizi Bene Comune Giuseppe Lombardo che aggiunge: “Ieri sempre gli agenti hanno scoperto anche una persona che con il suo camion, poi sequestrato, scaricava abusivamente materiale inerte sul torrente San Filippo.​ Se Messina è più pulita lo dobbiamo anche a questi agenti che con continui controlli segnalano tutti i conferimenti illeciti dei rifiuti, le discariche abusive, salvaguardando strade, spiagge e torrenti. Noi stiamo​ facendo tutti gli sforzi possibili con la nostra attività di spazzamento, disinfezione, scerbatura e incrementando la differenziata per rendere la città più pulita ed ecosostenibile; dispiace molto che ancora oggi molti cittadini, nonostante i controlli e le multe salatissime, non abbiano ancora acquistato quel senso civico che dovrebbe essere improntato sul rispetto dell’ambiente e delle cose comuni. Facciamo un ulteriore appello ai messinesi affinché denuncino chi inquina, non rispetta le regole di conferimento dei rifiuti e compie azioni incivili e poco dignitose”.

La Cisl Funzione Pubblica, con il referente del Comune di Messina Alfredo Mobilia e le Rsu aziendali Santi Prestipino Giarritta e Pancrazio Puglia, esprime solidarietà e formula gli auguri di pronta guarigione alla collega della Polizia Locale oggetto di un grave episodio di intolleranza e violenza nell’espletamento dei suoi compiti istituzionali.

La Cisl, da sempre vicina a tutti i lavoratori, non può che stigmatizzare questi episodi, ricordando come i compiti attribuiti alla polizia locale siano particolarmente gravosi, ancora di più oggi che gli agenti sono in prima linea nel contenimento della epidemia Covid 19.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione