Vaccino Astrazeneca, cinque i casi sospetti in Sicilia: insegnante di musica in coma a Messina

La morte di Cinzia Pennino, l'insegnante di 46 anni morta a Palermo 10 giorni dopo aver ricevuto il vaccino Astrazeneca, non è l'unico caso sospetto in Sicilia. A Messina preoccupano le condizioni di una docente di musica di 55 anni di una scuola media, in coma profondo a causa di una trombosi.

La donna, che è attualmente ricoverata e monitorata nella Rianimazione neurochirurgica del Policlinico, aveva ricevuto la prima dose l’11 marzo e subito aveva accusato febbre alta e un forte mal di testa. La tac, dopo il ricovero d’urgenza ha evidenziato una trombosi alla vena cava inferiore, alla vena porta e giugulare, all’encefalo e un’embolia polmonare.

I familiari hanno preparato un esposto in Procura che depositeranno nelle prossime ore nel quale tengono a sottolineare che la donna non soffriva di patologie e che le sue condizioni di salute erano ottimali.

Ma i casi sospetti in Sicilia non finiscono qui, tanto che sono almeno tre le indagini aperte. A Gela sono state sequestrate le cartelle cliniche di Zelia Guzzo, docente di 37 anni, di cui è stata dichiarata la morte cerebrale per  trombosi ed emorragia al cervello, e che si era sottoposta alla vaccinazione con AstraZeneca. E poi ci sono le inchieste di Catania e Messina

A Catania l’inchiesta riguarda Stefano Paternò, il sottoufficiale di 43 anni deceduto nella sua abitazione di Misterbianco, sedici ore dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino prodotto dall’Università di Oxford mentre la Procura di Messina vuole capire di più sulla morte per trombosi di Davide Villa, il poliziotto deceduto il 7 marzo, dodici giorni dopo essersi vaccinato anche lui con AstraZeneca. Sul caso di Villa dieci giorni fa si è pronunciato il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro secondo cui dai primi accertamenti "non sussistono fattori genetici predisponenti ad eventi trombotici a carico del Villa, mentre invece dalla storia clinica pregressa dello stesso risulta che questi rientrava nelle categorie per le quali è raccomandata la somministrazione di un diverso vaccino".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione