Tre ventenni evadono dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto

13 Luglio 2017 Cronaca di Messina

MESSINA - Hanno segato le sbarre della cella in cui erano rinchiusi e sono fuggiti dal carcere. Questa la scoperta della polizia penitenziaria all'alba di stamattina. Si tratta di tre ragazzi tutti poco più che ventenni ristretti nella casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Fuggiti in nottata dal carcere con modalità ancora da verificare nel dettaglio. Da capire soprattutto come abbiano superato i tre cancelli d'ingresso riuscendo ad eludere la sorveglianza.

I tre erano in carcere per rapina, detenzione d'armi da fuoco e sebbene giovanissimi hanno già numerosi precedenti. La polizia di Barcellona Pozzo di Gotto è già sulle tracce dei tre fuggitivi. Il carcere di Barcellona è adesso esclusivamente per detenuti, diretto ancora dallo psichiatra Nunziante Rosania, non ospita più internati psichiatrici già da gennaio.

"Per quanto ci è dato di conoscere, in questo momento la situazione delle carceri italiane è tutt'altro che normale - dice l'Osapp - come invece dichiarato da alcuni dei vertici dell'attuale amministrazione penitenziaria agli organi di informazione anche televisivi. Le attuali evasioni, frutto di una politica penitenziaria dissennata che mette il detenuto al centro di ogni possibile diritto e concessione anche se non meritati, a discapito del personale di polizia penitenziaria, mettono a rischio soprattutto la civile convivenza e la sicurezza dell'inermi cittadini". Manuela Modica - larepubblica

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione