CALCIO – ACR MESSINA FUORI DAL PROFESSIONISMO, LA LETTERA DEI CALCIATORI: “7 mesi senza stipendi, ora il nulla. Gravina ci deve delle spiegazioni”

15 Luglio 2017 Cronaca di Messina

Niente iscrizione, niente stipendi, niente fideiussione. Il Messina, da ieri, è fuori dal professionismo e ha trascinato con sè nel dramma tutti quei tesserati che aspettavano da mesi le relative spettanze. I calciatori giallorossi hanno voluto scrivere una lettera, indirizzandola al presidente della Lega, Gabriele Gravina:

"Adesso è ufficiale, dopo mesi di agonia l'Acr Messina dichiara il fallimento , ma è inutile nascondersi dietro le numerose dichiarazioni di questi personaggi che non meritano nemmeno di essere nominati , qui si parla di un gruppo di 30 ragazzi , annesse famiglie e migliaia di Tifosi che hanno lottato e salvato il Messina sul campo , all'ultima giornata . Questi ultimi non hanno MAI fatto mancare il loro supporto sia in trasferta che in casa , per questo ad essere stati presi in giro non siamo soltanto noi giocatori ma un' intera città con un glorioso passato calcistico alle spalle . Ora può sembrare facile sputare tutta la verità ma è giusto che certe cose vengano dette per tutelare tutti i giocatori, le loro famiglie e i vari dipendenti della società .

Da 7 mesi non viene pagato alcun stipendio, addirittura ci viene chiesto di rinunciare a diverse mensilità per andare incontro alle esigenze della società, richiesta accettata dai giocatori senza battere ciglio pur di salvare l' Acr Messina, i campi di allenamento e le strutture sono inesistenti, spesso ci trovavamo a doverci spostare con le proprie auto per raggiungere altri campi, la maggior parte delle volte in strutture inadeguate per dimensioni e capienza degli spogliatoi. Il glorioso stadio Celeste tanto amato dai tifosi è stato completamente abbandonato e numerose partite sono state preparate proprio su quel terreno , scosceso è inadatto al gioco del Calcio. Il materiale tecnico spesso non bastava per tutti, i magazzinieri dovevano fare i salti mortali per permetterci , soprattutto in inverno di essere vestiti in modo adeguato , anch'essi senza percepire alcuna mensilità.

Tutto questo sembra incredibile ma con il raggiungimento della tanto sperata e sudata salvezza , ci era stato promesso che tutti i problemi economici sarebbero stati risolti ma evidentemente non è stato così , oggi ci troviamo con numerose famiglie con bambini che tirano avanti da mesi con risorse limitate . È troppo facile battersi il pugno sul petto sotto la curva dopo le vittorie, fare promesse al gruppo e appena se ne ha la possibilità rescindere e firmare da un'altra parte senza dire una parola a coloro che probabilmente hanno permesso tutto questo. Ora la domanda sorge spontanea , è possibile che certe persone possano continuare a fare Calcio ? Nonostante ci abbiamo lasciati da soli , non abbiamo mai mollato un centimetro , dimostrando maturità e professionalità che è quello che manca a queste persone . Un grazie può sembrare riduttivo ma la semplicità a volte è la cosa migliore.

Aggiungiamo che vogliamo incontrare Gravina che come rappresentante della Lega deve a noi spiegazioni e non ai vari giornali e programmi sportivi, in quanto ha fatto da garante per Proto e quindi si deve assumere le responsabilità che si è preso".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione