MESSINA: Calcioscommesse, sono 30 gli indagati

20 Settembre 2017 Inchieste/Giudiziaria

Grandi novità dall'inchiesta sul calcioscommesse che da sei mesi è portata avanti dalla Procura di Messina in seguito alla denuncia-querela dell'allora presidente del club giallorosso, Natale Stracuzzi. Secondo quanto riporta Gazzetta del Sud, sarebbero 30 gli indagati per almeno quattro partite sospette giocate nella stagione 2015/16 (tra di esse sembra esserci anche un chiacchieratissimo 2-2 tra Messina e Paganese): tra le varie ipotesi di reato l'associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva, la truffa e l'alterazione dei risultati sportivi. Fra le persone sotto esame, cinque sono calciatori ancora in attività: uno di loro sarebbe Carmine Giorgione, ex centrocampista dei siciliani, ora in forza all'Albinoleffe. Spuntano anche i nomi di due tecnici: l'ex Paganese Gianluca Grassadonia, ora alla Pro Vercelli, e l'attuale tecnico dell'Akragas, Lello Di Napoli, ai tempi vice-allenatore e poi tecnico in prima del club siciliano. Di quel Messina indagato anche l'allora vice-presidente Pietro Gugliotta. Al centro della contestazione, secondo l'accusa, vi sarebbe l'ipotesi associativa con Arturo Di Napoli, ex calciatore e tecnico del Messina, finalizzata ad alterare gare del Messina in Lega Pro: non a caso il nome in codice dell'inchiesta, secondo quanto rivela la GdS, è "Re Artù", soprannome dello stesso Di Napoli in carriera.

 

L'articolo originale

Calcioscommesse, sono trenta gli indagati / I dettagli

Messina
Trenta indagati. Cinque sarebbero calciatori ancora in attività. Il resto è tutto il mondo di mezzo tra professionisti, ex giocatori e allenatori, scommettitori illegali del pianeta calcio. Al centro le “combine” che si sarebbero verificate nel Girone C di Lega Pro tra il 2015 al 2106, su almeno quattro partite - quantomeno sospette -, giocate dall’Acr Messina.
È alla svolta decisiva la blindatissima inchiesta sul Calcioscommesse aperta dal sostituto procuratore di Messina Francesco Massara a marzo scorso, quando la Guardia di Finanza eseguì perquisizioni e sequestri a tappeto in studi professionali e abitazioni private della città. Una “bomba” giudiziaria che andò a deflagrare nel mondo del pallone non soltanto siciliano ma nazionale, con le evidenti ripercussioni create.
Al centro di tutto secondo la Procura l’ex calciatore Arturo Di Napoli, in arte “Re Artù”: ed è proprio questo il nome in codice che magistratura e investigatori hanno dato all’inchiesta, adesso a quanto pare giunta alla conclusione dopo sette mesi di accertamenti e verifiche.
E dopo le indagini che i finanzieri hanno portato avanti in questi ultimi mesi sui documenti sequestrati a marzo e su altre piste parallele, ci sono almeno quattro nuovi nomi “eccellenti” che fanno parte del novero di indagati, con la contestazione a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva, truffa, e alterazione dei risultati sportivi prevista nella normativa calcistica di riferimento.
Si tratta dell’ex vice presidente dell’Acr Messina Pietro Gugliotta, degli ex allenatori del sodalizio peloritano Gianluca Grassadonia - attualmente tecnico della Pro Vercelli -, e Raffaele Di Napoli, e poi dell’ex centrocampista peloritano Carmine Giorgione, oggi in forza all’Albinoleffe.
Al centro della contestazione a tutti e 30 gli indagati dell’inchiesta c’è l’ipotesi associativa con il calciatore Arturo Di Napoli, secondo la Procura finalizzata ad alterare, con mezzi fraudolenti, gare del campionato di Lega Pro del Girone C, disputate dall’Acr Messina. Sarebbe stato in concreto “predeterminato” il risultato, con l’effettuazione di scommesse sportive, anche impegnando forti somme, ovvero migliaia di euro, quando si era già a conoscenza del risultato finale degli incontri di calcio, provocando profitti illeciti con danni rilevanti per i gestori delle agenzie di scommesse.
Nel fascicolo del pm Francesco Massara a marzo erano stati già iscritti altri nomi, anche tra gli scommettitori: il dentista libanese Khalifer Abdel Halim, detto “Abudi”, da anni residente a Messina, il libanese laureando in medicina Salah Iach, il noto commerciante cittadino Bruno Ciampi e il figlio Ugo, e il notissimo giocatore internazionale di Texas Hold’em Eros Nastasi, di origini messinesi. Oltre al nome del calciatore Arturo Di Napoli, ritenuto al centro di tutto il “giro”, nei faldoni c’era anche quello dell’ex portiere dell’Acr Messina, Alessandro Berardi, oggi in forza al Bari. Nuccio Anselmo - da gazzetta del sud
______________________
L’inizio
La denuncia di Stracuzzi
A quanto pare l’inchiesta scattò dopo la denuncia-querela presentata dall’ex presidente dell’Acr Messina Natale Stracuzzi nel marzo del 2016, che una mattina arrivò a Palazzo di giustizia accompagnato dal suo legale di fiducia, l’avvocato Giovanni Villari, che a quell’epoca sempre per conto della società peloritana aveva già depositato una serie di informative alla Procura federale della Figc. L’argomento sempre lo stesso, ipotesi di “combine” in partite ben definite e specificate negli atti prodotti, peraltro già segnalate dalla Federbet e dal suo segretario, Francesco Baranca. Stracuzzi, dopo la denuncia, venne sentito dal magistrato in questa indagine come “persona informata dei fatti”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione