Messina, maxi sequestro di prodotti ittici illegali: multe per oltre 4mila euro

1 Marzo 2019 Cronaca di Messina

È stata condotta un’operazione congiunta tra la Capitaneria di Porto e la Guardia di Finanza di Messina su tutto il territorio comunale, con accertamenti mirati alla vendita, al trasporto e alla commercializzazione di prodotti ittici, con pattuglie dislocate nei punti di sbarco e ai caselli autostradali. Oltre a ciò è stata verificata la condotta di molteplici esercizi commerciali.

L’attività è stata svolta con l’ausilio del personale dell’Asp di Messina (Dipartimento di prevenzione veterinaria distretto di Messina), che ha provveduto contestualmente agli accertamenti di polizia giudiziaria per eseguire ispezioni sanitarie ai prodotti controllati. Nella fattispecie sono stati verificati lo stato di conservazione, la tracciabilità, la provenienza, la scadenza e tutto quanto stabilito dalla normativa vigente, sia dei prodotti freschi che di quelli congelati.

L’attività effettuata ha prodotto circa 350 controlli a mezzi di trasporto e 40 accertamenti a esercizi commerciali, che hanno consentito agli accertatori di elevare 3 processi verbali di contestazione di illeciti amministrativiper 4.500 euro, e 3 sequestri amministrativi per circa 60 chilogrammi circa di prodotti ittici, dei quali non è stato possibile stabilirne la provenienza.

Inoltre è stato effettuato un sequestro penale per frode in commercio ai danni dei consumatori, in quanto era stato spacciato un prodotto dell’oceano atlantico come prodotto della pesca locale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione