Messina: Anche Palazzo Zanca è cardioprotetto grazie alla donazione dell’ex sindaco Renato Accorinti

20 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Questa mattina a Palazzo Zanca, Renato Accorinti ha consegnato al Comune di Messina il nono dei defibrillatori semiautomatici alla città con la differenza tra l’indennità di sindaco e lo stipendio da professore maturata in cinque anni di mandato. L’apparecchiatura salvavita, per la cui installazione il Comune ha realizzato una apposita colonnina, è stata collocata all’ingresso centrale nelle immediate vicinanze del corpo di guardia della Polizia municipale che è operativo 24 ore su 24. Nel corso della mattinata, i tecnici di PHILIPS EMERGENCY CARE hanno provveduto all’attivazione del defibrillatore che è quindi già funzionante.
I primi otto defibrillatori sono stati già collocati e attivati in postazioni individuate insieme agli esperti del settore (SUEM 118, Ordini dei medici, dei farmacisti e delle professioni infermieristiche, Azienda sanitaria provinciale, Aziende ospedaliere, Croce Rossa Italiana) e con la collaborazione delle forze dell’ordine: al Commissariato Messina Nord della Polizia di Stato (villaggio Matteotti all’Annunziata), nelle caserme dei Carabinieri di Giostra-Ritiro e di Faro Superiore e in alcuni punti strategici del territorio come le farmacie di Castanea e Galati Marina, il bar Donato di Torre Faro, il bar De Luca di Briga Marina. Nel mese di maggio verrà consegnato il defibrillatore destinato all’isola di Filicudi; con l’undicesimo, che verrà donato alla città di Reggio Calabria e collocato a Palazzo San Giorgio, si concluderà la prima fase del progetto “Messina Cardioprotetta”, per completare il quale Renato Accorinti ha comunque già in serbo altre sorprese.
Intanto, già nei prossimi giorni potrebbe svolgersi l’incontro con il ministro della Salute on. Giulia Grillo per illustrare nel dettaglio il disegno di legge di iniziativa popolare sull’obbligatorietà dei defibrillatori in tutti i luoghi pubblici e non solo. «La ministra Grillo – ha rimarcato Renato Accorinti – in un precedente incontro ha già espresso particolare interesse per questo progetto, che sarà a costo zero per lo Stato dal momento che saranno le strutture pubbliche e non (scuole, uffici, centri commerciali e altri luoghi di aggregazione) a doversi dotare di uno strumento la cui importanza per salvare vite è inversamente proporzionale al costo, sostenibile da parte di qualsiasi istituzione o soggetto privato. Contiamo di avere quindi il sostegno del Governo per introdurre questa norma di civiltà e di sicurezza pubblica».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione