Blackout al Policlinico di Messina: emergenza finita

24 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Si sono conclusi intorno alle 15 i lavori di sostituzione di una cabina elettrica da parte dell’ENEL ed è stata ripristinata la regolare fornitura di energia elettrica al Policlinico “G. Martino”. Si è così conclusa la fase di emergenza programmata che ha visto impegnato il personale dell’A.O.U., enti ed istituzioni del territorio, a partire da mercoledì scorso.

Le attività sono tornate alla normalità, con la riapertura del Pronto Soccorso Generale, Pediatrico e Ostetrico. Sono state riattivate tutte le attività per affrontare le emergenze/urgenze (Stroke, Chirurgia Vascolare, Neurochirurgia, Politrauma, Chirurgia Pediatrica, Ostetricia, endoscopia Gastroenterologica, Dialisi, Terapia Intensiva).

“Sento l’obbligo di ringraziare - afferma il Commissario Straordinario dell’A.O.U., dott. Giuseppe Laganga - tutti i professionisti che a qualsiasi titolo lavorano in Azienda oltre i componenti l’unità di crisi che in questi giorni si sono prodigati per gestire l’emergenza e la cittadinanza per la sensibilità dimostrata. I messinesi, infatti, hanno dimostrato, ancora una volta, grande maturità e la loro collaborazione ha evitato situazioni di difficoltà. Ci scusiamo con l’utenza per gli eventuali disagi arrecati, ma i lavori erano improcrastinabili.

Fondamentale è stato il coordinamento di S.E. il Prefetto, l’apporto del Comune e della Polizia Municipale, della Città metropolitana e della Polizia provinciale, delle altre aziende sanitarie e ospedaliere cittadine e regionali, delle strutture sanitarie private, del 118, della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, delle forze dell’ordine, della Brigata Aosta e dell’ENEL e tutte le ditte che erogano servizi per l’AOU i quali hanno dimostrato un vero attaccamento all’Azienda. Un doveroso ringraziamento lo rivolgo, altresì, agli organi di stampa, il cui supporto ha permesso una diffusione capillare delle informazioni destinate all’utenza. Pari riconoscenza va agli studenti del corso laurea di infermieristica, ai privati ed alle associazioni di volontariato che hanno proficuamente contribuito al superamento del momento di emergenza.

Deve essere sottolineato, inoltre, il grande lavoro svolto da tutto il personale dell’A.O.U. che, anche in questa occasione, ha mostrato tutta la propria professionalità e disponibilità.

La sinergia che si è creata, a servizio della città, ha fatto sì che i disagi fossero limitati e ha permesso di evitare situazioni di pericolo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione