Il Comune di Scordia dà la cittadinanza onoraria alla Brigata Aosta

26 Marzo 2019 Mondo News

E’ stata consegnata nell’aula consiliare del comune di Scordia, in provincia di Catania, la cittadinanza onoraria alla Brigata Meccanizzata “Aosta”, per la “straordinaria rapidità, la professionalità e la grande umanità, con la quale i militari delle Brigata Aosta hanno operato durante la devastante alluvione che ha investito la zona sud di Scordia e l’intera piana di Catania nell’ottobre dello scorso anno”.

Il sindaco Franco Barchitta, durante il suo accorato intervento, ha evidenziato come “soldati e cittadini assieme si siano trovati a fronteggiare un’emergenza dai tratti disperata, spinti i primi dal dovere, i secondi dalla necessità”. Nel ricevere l’importante benemerenza, il generale Bruno Pisciotta, comandante della brigata, ha ricostruito le fasi dell’intervento degli uomini e delle donne dell’Aosta, nelle concitate ore successive alla fase acuta della crisi.

“Siamo una realtà fortemente radicata nel territorio siciliano – ha detto il generale – e i militari effettivi alle unità presenti nell’isola conoscono bene la compagine sociale, per esserne parte sin dalla nascita. Questo per noi è un valore aggiunto che arricchisce i già splendidi rapporti con la comunità locale, in piena e totale sinergia con le istituzioni e le pubbliche amministrazioni”.

La brigata “Aosta”, grazie all’intervento di assetti specialistici del 4° reggimento genio e all’opera dei fanti del 62° reggimento, ha lavorato incessantemente dal 19 ottobre al 31 ottobre, per consentire alla popolazione dei comuni di Scordia e Palagonia il ritorno alla normalità, a seguito delle fortissime precipitazioni meteorologiche che hanno investito il catanese.

Strade trasformate in fiumi di fango, torrenti diventati paludi e piazze trasformate in laghi, sono il triste scenario in cui ha operato l’Esercito in quelle settimane, schierando sul campo circa 100 uomini, 1 escavatore, 2 terne ruotate, 2 miniescavatori per raggiugere i vicoli più impervi dei paeseini della piana di Catania e 1 pala gommata, oltre a 2 veicoli del tipo Astra per il trasferimento di inerti.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione