Salvini, risponde a Matilde Siracusano su impegno per interventi su baraccopoli Messina. “Situazioni che risalgono a inizio ‘900”

15 Maggio 2019 Politica

Io sono stato in quel quartiere, ci sono alcune situazioni che risalgono al 1908: evidentemente bisogna recuperare qualche anno di inerzia. Dal punto di vista di mia competenza, per quanto riguarda i dati sull’ordine pubblico e la prevenzione dello spaccio di stupefacenti, sono stati effettuati in quella zona da parte della polizia ben 33 servizi mirati, dal 15 gennaio a oggi, che hanno dato luogo a sequestri, denunce, arresti, perquisizioni“. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, al question time rispondendo a un’interrogazione sulla problematiche della baraccopoli che si estende alle porte di Messina.
Per quanto riguarda la sistemazione in nuovi alloggi “mi risulta che il Comune di Messina si stia adoperando per reperire i fondi. Siamo a disposizione per intervenire, per parte mia garantisco sul fronte della sicurezza a coordinare la maggior convergenza possibile tra istituzioni nazionali e territoriali al fine a una soluzione definitiva“. Nel presentare l’interrogazione, la deputata Matilde Siracusano, di Forza Italia, ha ricordato che la baraccopoli di Messina è una sorta di “città di baracche dentro la città”, che si estende per “230mila metri quadri”, con “strutture che hanno tetti in eternit, fogne a cielo aperto e presenza di topi”; una vasta area in cui vivono “2.100 famiglie, 6.400 persone: cittadini messinesi, italiani – ha detto – non immigrati” .

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione