Messina, Sacha Cardile è il nuovo commissario cittadino di Forza Italia giovani. Ivan Cutè prende le distanze

23 Maggio 2019 Politica

Nominato il commissario cittadino di Forza Italia giovani a Messina. Si tratta di Sacha Cardile, imprenditore messinese che avrà il compito di ​ condurre i giovani ​ azzurri al congresso.

A margine della nomina, la deputata di Forza Italia alla Camera, on. Matilde Siracusano, dichiara: “Il mio ringraziamento va a Stefano Cavedagna coordinatore nazionale di FI giovani e Dario Moscato vice coordinatore nazionale nonché coordinatore regionale Fi giovani. Sacha è la persona ideale per trainare il movimento al prossimo Congresso. Messina sta acquistando un ruolo sempre più marcato all’interno del panorama politico regionale. È per tale motivo che occorre puntare sulla competenza e serietà, requisiti che Cardile ha dimostrato di possedere”.

La notizia non era nemmeno arrivata, che già erano in rampa di lancio i distinguo: la nomina di Sacha Cardile ha scatenato una veemente reazione da parte di Ivan Cutè, presidente della quinta circoscrizione, alla quale si sono accodati altri esponenti della “linea verde” del partito.

“Il gruppo giovanile di Messina che mi onoro di rappresentare , e che ha sempre ha dimostrato di essere il più forte all’interno di Forza Italia nelle diverse competizioni elettorali universitarie, prende le distanze dalla nomina di commissario cittadino del giovanile di Sacha Cardile”, spiega senza troppi giri di parole Ivan Cutè.

“Nulla di personale contro Cardile che riteniamo un amico e un ragazzo valido, e che peraltro che fa parte del nostro gruppo, ma non condividiamo i tempi, i modi e la mancata condivisione con chi ha da sempre contributo alla crescita di un grande partito quale è Forza Italia”, conclude Cutè, che nella protesta è affiancato da Andrea Faraone: alle ultime consultazioni universitarie, le associazioni dei due hanno contribuito all’elezione di un senatore accademico, un consigliere d’amministrazione dell’Ersu e quaranta consiglieri nei dipartimenti.