Omicidio Marchese a Messina, ergastolo annullato per Vinci: non cosciente al processo

12 Giugno 2019 Inchieste/Giudiziaria

La Corte di Assise di appello di Messina ha dichiarato non doversi procedere nei confronti dei Giovanni Vinci, accusato di omicidio, perché non può partecipare coscientemente al processo.

L’uomo era accusato dell’omicidio volontario di Stefano Marchese, ucciso il 18 febbraio 2005 nel quartiere Annunziata di Messina. In primo grado Vinci era stato condannato all’ergastolo. Alcuni pentiti lo accusarono di essere
il mandante dell’omicidio per motivi di supremazia criminale nel territorio.

Il suo difensore, l’avvocato Giovambattista Freni, proponendo appello ha sostenuto che Vinci non poteva partecipare coscientemente al processo e che in base alla nuova legge del giugno 2017 la Corte doveva pronunziare sentenza di non luogo a procedere. La corte, dopo aver disposto una perizia, ha aderito alla richiesta del legale ed ha annullato la precedente condanna all’ergastolo.

«È la prima volta che viene applicata questa norma in Italia – afferma il legale – Non si tratta di infermità mentale dell’imputato tanto vero che non è stata applicata misura di sicurezza ma di incapacità di partecipare coscientemente al processo per una sopravvenuta malattia anche se non di tipo psichiatrico».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione