Corrispondenza sparita alle Poste di Messina, rinviati a giudizio sei impiegati

21 Settembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Saranno processati sei impiegati delle Poste finiti nella clamorosa inchiesta sui disservizi postali. È quanto deciso dal gup Eugenio Fiorentino che ha rinviato a giudizio Angela Cingari, all’epoca dei fatti direttrice del Centro di smistamento postale di via Olimpia, Giuseppe Scarcella e Alfio Chiarenza capisquadra, Domenico Giacoppo, e due addetti alla consegna della corrispondenza, ovvero Marco Ciraolo e Carmela Perrone.

Il gup ha disposto il rinvio a giudizio al 19 ottobre 2020, davanti al tribunale della prima sezione penale. L’accusa contesta il mancato recapito dei plichi postali con la giustificazione che i destinatari non erano rintracciabili.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione