Messina Social City, il Dg Romano si dimette

3 Dicembre 2019 Politica

A tre mesi dall’insediamento si dimette il direttore generale della Messina Social City, Vincenzo Romano. “È stata calpestata la mia dignità. Vado via in punta di piedi ma a testa alta”, scrive Romano nella sua lettera di dimissioni sottolineando problematiche interne già esposte nel corso dell’ultima audizione nella VII Commissione Consiliare presieduta da Dino Bramanti.

Lo stesso Bramanti aveva chiesto di accendere i riflettori su questa vicenda inquietante a seguito della denuncia di Romano – che sembrava aver chiamato in causa anche la posizione dei sindacati – , ma né il sindaco De Luca né l’assessore alle politiche sociali Calafiore si erano espressi nel merito fino a stamane.

A margine della conferenza stampa relativa ai dati emersi sulla TARI, il primo cittadino ha detto che presenterà tutta la documentazione necessaria in Procura per avviare accertamenti. Romano sarà invece nuovamente convocato per rendere pubblici i nominativi dei responsabili.

Le ingerenze e le pressioni cui aveva fatto esplicito riferimento Romano si spingono nella direzione di nuove assunzioni, circa 140 dall’insediamento del nuovo Direttore generale, ma che sembrerebbero non essere state controfirmate dallo stesso. In soli tre mesi di Social City, i costi per il personale sono pressoché duplicati.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione