COVID- 19: Sospendere in questa fase l’esecuzione degli sfratti e degli sgomberi

10 Marzo 2020 Cronaca di Messina

“L’Unione Inquilini Messina, alla luce dell’ultimo DPCM del 9 marzo 2020 adottato per contenere il contagio da covid-19, chiede la sospensione degli sfratti di alloggi privati/ERP e degli sgomberi di abitazioni pignorate per salvaguardare la salute dei cittadini coinvolti nelle procedure”. E’ quanto scrive in una nota la realtà messinese al prefetto Maria Carmela Librizzi, al sindaco e allo IACP, chiedendo inoltre “particolare riguardo verso soggetti fragili come minori, anziani e persone disabili che metterebbero a serio rischio la propria incolumità e quella degli altri”.

“Il prefetto, il sindaco e lo IACP dovrebbero agire in pieno coordinamento e sono invitati a farlo prontamente e conformemente a quanto già avvenuto in altre realtà cittadine italiane come Milano, epicentro di questa tragica epidemia, che ha già visto sospendere ogni iniziativa di esecuzione sfratti per mettere in sicurezza gli inquilini e utilizzare altresì in maniera scrupolosa la forza pubblica per le attività connesse all’attuazione delle misure governative stabilite per affrontare il Covid-19”, continuano.

“Estendere le disposizioni, precedentemente previste per le zone rosse, all’intero territorio nazionale, rende ancor più necessario e tempestivo l’intervento sospensivo – continua l’Unione Inquilini – Le misure urgenti predisposte per contenere l’estensione del contagio, come ad esempio la limitazione di ogni spostamento dalla propria abitazione, rischierebbero di essere inefficaci se intere famiglie, in questi giorni cruciali, dovessero finire per strada esponendo sé stesse e gli altri a rischio contagio”.

“Se il Governo, al momento, non dovesse prevedere questa misura, ci auguriamo che, in tempi rapidi, il sindaco e lo IACP (nell’ambito delle rispettive competenze) ed il Prefetto di Messina si dotino di sano buonsenso e responsabilità sociale”, concludono, invitando il prefetto Maria Carmela Librizzi a seguire “l’esempio del Prefetto di Milano per ridurre al minimo i rischi per i nostri cittadini e garantire loro sicurezza psicofisica, necessaria, per affrontare e superare questa fase delicatissima che vive l’intero Paese”.