Il prof. Antonio Saitta sull’ordinanza bocciata: anche uno studente del primo anno di giurisprudenza…

8 Aprile 2020 Politica

“Ormai è ufficiale: anche quest’ordinanza è carta straccia. Il Consiglio di Stato l’ha dichiarata “abnorme” come avrebbe potuto dire qualsiasi studente al primo anno di Giurisprudenza”. Commenta così il prof. Antonio Saitta, già candidato a sindaco di Messina, la bocciatura da parte del Consiglio di Stato dell’ordinanza di Cateno De Luca sugli sbarchi.

“Resta sconcertante che tanta parte della Città, anche quella che non ti saresti aspettato, sia caduta nel tranello di sfruttare le legittime preoccupazioni per squallide operazioni di propaganda elettorale permanente.
Seminare il panico, incitare all’odio, ribellarsi verso le autorità legittime, autoproclamarsi salvatore della Patria, offendere persone e istituzioni non significa aiutare a superare le emergenze, ma ad aggravarle.

Davvero in questo caso il fine sacrosanto (la tutela della salute) giustificava i mezzi (volgari, illegali, spesso ridicoli)? Anche se così fosse, pure un cieco avrebbe visto che il fine era la ricerca del consenso personale e non la salute dei messinesi.

In guerra un Sindaco non prova a sostituirsi all’Alto comando, ma fa il suo dovere. In un’epidemia si deve preoccupare di far camminare la macchina comunale, di far osservare i provvedimenti del Governo, di potenziare i servizi sociali e vigilare su quelli sanitari, non deve dedicare il suo tempo per scrivere provvedimenti palesemente illegittimi, contraddittori buoni solo ad aggravare le difficoltà di cittadini ed operatori.

I TG nazionali ci hanno mostrato da giorni i buoni spesa distribuiti da sindaci in vari comuni d’Italia alle famiglie in difficoltà: a Messina nello stesso periodo si è giocato con i droni e con i soldatini minacciando di schierare un esercito di fantasia a difesa delle amate sponde.

Il Covid finirà e si dovrà affrontare il dramma della ricostruzione di una Città sempre più impoverita, materialmente e moralmente. Si dovrà interloquire con i Governi regionali e nazionali e la nostra comunità sarà rappresentata da questa classe dirigente la cui credibilità è ormai conosciuta in tutta l’Italia, ma che tanti, qui in riva allo Stretto, continuano ad osannare”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione