Rapinò una tabaccheria a Messina, ai domiciliari un 45enne

8 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Un 45enne messinese, Santo Fusco, è stato arrestato dalla polizia che, ieri, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare, emessa dal gip presso il Tribunale di Messina.

L’uomo è ritenuto responsabile della rapina compiuta lo scorso 14 marzo ai danni di una tabaccheria in centro città. Quel giorno aveva costretto i dipendenti a farsi consegnare l’incasso di 900 euro e gratta e vinci per un valore di 1200 euro minacciandoli con un grosso coltello che era stato poi abbandonato durante la fuga e recuperato dai poliziotti immediatamente intervenuti.

Dalle successive indagini si è risaliti all’uomo ricostruendo le differenti fasi della rapina: decisive le immagini di video sorveglianza registrate all’interno e all’esterno del negozio.

Inutile si è rivelata la denuncia del furto d’auto da parte di Fusco, avvenuto, secondo quanto sostenuto, in luogo, tempi e con modalità del tutto inverosimili e contrastanti con quanto emerso dal lavoro dei poliziotti.

Il quarantacinquenne messinese, con precedenti di polizia e già condannato in passato per reati contro il patrimonio e in materia di traffico di sostanze stupefacenti, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione