Covid-19: L’emergenza sanitaria non ha fermato il settore ambiente della raccolta rifiuti. Su tutta la provincia di Messina il monitoraggio continuo della Fp Cgil e Uiltrasporti

21 Aprile 2020 Cronaca di Messina
“Sono state settimane difficili, ma il servizio di raccolta rifiuti su tutto il territorio provinciale è stato sempre garantito”, dichiarano Francesco Fucile e Michele Barresi, rispettivamente segretari di Fp Cgil e Uiltrasporti Messina, insieme ai responsabili del settore igiene e ambiente dei due sindacati, Carmelo Pino, Giacomo Marzullo e Nunzio Musca. “Primi tra tutti occorre ringraziare lo spirito di servizio che ha animato migliaia di lavoratori che hanno proseguito nel loro importante lavoro offerto all’utenza in un momento di grande criticità sanitaria. Non sono mancate problematiche nel reperimento dei dispositivi di protezione e, in special modo nelle prime giornate, gli interventi dei sindacati sono stati mirati verso le aziende che in talune circostanze riscontravano oggettive difficoltà operative. Tuttavia, con il coinvolgimento delle istituzioni e la fattiva collaborazione delle Società di Regolamentazione Rifiuti operanti a Messina e Provincia, si è posto in essere nelle settimane dell’emergenza un capillare monitoraggio del rispetto delle procedure introdotte dalla ordinanza 1 Rif del Presidente della Regione il 27 marzo scorso con la quale si è opportunamente disciplinato il sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti infetti e delle utenze in quarantena da Covid19. Le SRR del territorio, sollecitate dalle segreterie di Fp Cgil e Uiltrasporti, si sono prontamente attivate coinvolgendo in incontri specifici da remoto comuni e gestori del servizio. Così facendo da Messina città si è attivato un monitoraggio che ha coinvolto 17 comuni nella zona ionica della provincia sotto l’egida dell’ATOMe4, Scaletta, Itala, Mandanici, Pagliara, Savoca, Sant’Alessio S, Forza d’Agrò, Antillo, Mongiuffi Melia, Gallodoro, Letojanni, Castelmola, Gaggi, Graniti, Motta Camastra, Roccella Valdemone, Santa Domenica di Vittoria , fino al comune di Santa Teresa. Allo stesso modo sulla zona tirrenica verificato il servizio nei comuni più popolosi di Milazzo, Barcellona Patti , ARO di Santo Stefano di Camastra Caronia e Reitano, Capo D’Orlando e Sant’agata di Militello e la Isole Eolie. Verificate sul territorio 12 aziende e 27 comuni per un bacino di circa 403 mila utenze e oltre 870 lavoratori impiegati. L’obiettivo di FP Cgil e Uiltrasporti è stato quello di accertare le condizioni di svolgimento del servizio e attivare i necessari correttivi nelle procedure previste nell’ordinanza a tutela della sicurezza dei lavoratori e dei cittadini al fine di eseguire tutte le attività di raccolta e smaltimento previste per le utenze infette da Covid19 o in quarantena cautelativa. Una campagna di informazione a monte, seguita da prevenzione e un monitoraggio continuo, che ha coinvolto e continuerà a farlo, Comuni, SRR, gestori e sindacati – continuano Fp Cgil e Uiltrasporti – che non esitiamo a definire una lodevole e proficua attività che cerca di garantire le giuste tutele a migliaia di lavoratori e delle loro famiglie. Non solo luci ovviamente ma anche tante ombre e difficoltà che in buona parte gli incontri posti in essere hanno contribuito a risolvere – concludono i sindacati – ma resta alta l’attenzione e proseguirà il monitoraggio in previsione della cosiddetta “fase 2” dell’emergenza quando occorrerà continuare a garantire le necessarie forniture di dispositivi di protezione ai lavoratori ma anche vigilare sulle risorse economiche che tanti comuni in difficoltà dopo l’emergenza sanitaria devono assicurare ai gestori per garantire gli stipendi ai lavoratori, ed in questo senso l’invito dei sindacati è ad un confronto continuo con le Istituzioni per evitare ogni possibile criticità.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione