Le minacce ad Addiopizzo: La Cassazione conferma la condanna al “capo Vara” Franco Molonia

28 Aprile 2020 Inchieste/Giudiziaria

“La libertà di volantinaggio è una manifestazione del libero pensiero garantita dalla Carta”.

La Quinta sezione penale della Cassazione (presidente Rossella Catena, relatore Giuseppe Ricciardi), con la sentenza 12892 del 24 aprile scorso, ha confermato la condanna per il “capo Vara” Franco Molonia (difeso dall’ avv. Giovanbattista Freni), che guidava la “cordata” con la macchina votiva in occasione della processione di ferragosto a Messina. Sia il Pubblico Ministero, Giovanni Di Leo, che il difensore della parte civile, avv. Rossella Rago, avevano concluso, nell’udienza del 27 gennaio scorso, chiedendo l’inammissibilità del ricorso.

Una manifestazione religiosa importante per la città sullo Stretto, che era finita nelle pagine di cronaca e in tribunale, a causa della distruzione dei volantini distribuiti dall’associazione “Addiopizzo”, il 14 agosto 2012, da parte di alcuni componenti del Comitato organizzatore.

La sera prima della manifestazione alcuni componenti del comitato della Vara aggredirono due attivisti di Addiopizzo i quali chiedevano di far pulizia allontanando esponenti mafiosi dalla manifestazione: “Maria libera Messina dal pizzo e dalla Mafia”, si leggeva sui volantini diffusi dall’associazione antiracket. In seguito due animatori del Comitato Vara, Franco Molonia e Franco Celona, erono stati condannati dalla Corte d’Appello di Messina ad un anno (il 9 ottobre 2017), per violenza privata e danneggiamento (ai due nel maggio del 2013 gli agenti della Squadra Mobile fu notificata anche un’ordinanza di misura cautelare di divieto di dimora nel Comune di Messina). In primo grado erano stati condannati rispettivamente a un anno (Molonia) e otto mesi (Celona).

La preghiera di «Addiopizzo»
A Molonia non erano piaciuti i fogli che raffiguravano il “carro” religioso, con la preghiera «Maria libera Messina dal pizzo e dalla Mafia». I ragazzi di “Addiopizzo” erano stati seguiti con lo scopo di distruggere volantini che, ad avviso dell’imputato, erano blasfemi e contenevano informazioni lesive per la città di Messina, dove non esistevano né la mafia né il pizzo. Il gesto, ad avviso della difesa, non era altro che una sorta di arresto in flagranza, messo in atto per impedire un reato, visto che il volantinaggio era abusivo.

La libertà di pensiero
Di avviso diverso la Suprema corte, la quale sottolinea che «l’attività di volantinaggio, che è stata impedita, lungi dall’essere un reato, integra una libertà garantita dall’articolo 21 della Costituzione». I giudici ridimensionano anche l’imputato che, con una sorta di “lei non sa chi sono io”, si era rivolto alle “pazze” che distribuivano i fogli intimando la consegna degli stampati al grido di «Io sono Molonia, il capo Vara». Una qualifica, chiariscono i giudici a scanso di equivoci, che non attribuisce a chi la riveste alcun potere pubblicistico utile a mantenere l’ordine pubblico. Né serve ad evitare la condanna. Risarcimento (di 3.500 euro) per l’associazione anti estorsione, compreso.

L’aggressione

«Hanno strappato i nostri volantini. Ci hanno urlato parole irripetibili. Hanno gridato che a Messina la mafia non esiste». Ma c’è di più. «Ci hanno anche seguito all’interno di un bar e ci hanno minacciato». La denuncia è dei rappresentanti dell’associazione Addiopizzo. Una denuncia che fece rumore, alla vigilia della festa più amata dai messinesi. Perchè ad apostrofare i ragazzi antiracket (nella foto), erano stati tre componenti del Comitato Vara. «Abbiamo chiamato la polizia – spiegò quella sera il presidente di Addiopizzo Enrico Pistorino – e raccontato la dinamica dei fatti. Non avevamo fatto nulla di male, c’erano tra noi ragazzine che sono tornate a casa terrorizzate».

‘IN MOLTI DOVREBBERO CHIEDERCI SCUSA’.

E in una nota i rappresentanti del Comitato Addiopizzo sottolineano l’importanza simbolica di questa sentenza: «L’idea del volantinaggio all’inizio sembrava per noi un modo di esprimere un sentimento che non sempre era ben evidente tra gli organizzatori. In fondo chiedevamo di far pulizia allontanando talune presenze dalla manifestazione, non certo di portare la “Vara” e ciò che rappresenta nel cuore dei messinesi in tribunale. Senza volerlo avevamo toccato i nervi scoperti dei soliti noti, talmente noti che se ne discuteva apertamente ovunque sulla gestione consortile della festa».
«Abbiamo realizzato solo oggi – scrivono ancora -, la valenza di quell’atto dimostrativo. Eravamo più giovani, forse più imprudenti ma di sicuro non meno coraggiosi e determinati nel portare avanti un’azione di liberazione della città da rendite che del sacro si facevano vanto e gioco. La sentenza sul processo Vara ci conforta molto. Non perché temevamo colpi di scena. In fondo essa conferma i rilievi precedenti. Ci conforta invece per il nostro essere cittadini messinesi; chi devoto, chi rispettoso del sacro, cittadini che in questi anni hanno comunque vissuto quel gesto nella speranza che non fosse isolato». «Il Comitato Addiopizzo ha atteso diligentemente che si concludessero i tre gradi di giudizio prima di commentare la vicenda giudiziaria che ha riguardato l’aggressione subita alla vigilia della processione della Vara 2012, nell’intento di non alimentare inutili polemiche che avrebbero interferito con il dibattito politico in città. Oggi riteniamo, forti di una sentenza passata in giudicato, che in tanti dovrebbero chiedere scusa ai giovani volontari di Addiopizzo, offesi una prima volta dai fatti di quel famoso 14 agosto ed una seconda volta dalle prese di posizioni pubbliche di amministratori e benpensanti che solidarizzavano con il comitato Vara. Amaramente osserviamo ancora oggi che un sistema di potere occulto continua a manovrare l’organizzazione della Vara anche nonostante le volontà della Chiesa locale e del Comune. Auspichiamo che questa grande manifestazione di popolo sia liberata al più presto e definitivamente da ingerenze estranee allo spirito della Festa». «In tanti dovrebbero chiedere scusa ai volontari, offesi dai fatti e da amministratori e benpensanti che espressero solidarietà al comitato Vara»

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione