MESSINA: RINVIATI AL 2021 I CONCERTI DI ULTIMO E TIZIANO FERRO. IL SILENZIO DELL’AMMINISTRAZIONE DE LUCA

29 Aprile 2020 Culture

L’emergenza Covid-19 ha spazzato via come uno tsunami un’intera stagione di concerti e spettacoli già programmati in tutta Italia. Anche Messina ha visto rinviati (e non annullati) i due grandi eventi che avrebbero caratterizzato l’estate 2020, e cioè i concerti di Ultimo e Tiziano Ferro in programma il 27 giugno e il 15 luglio allo stadio Franco Scoglio.

Gli spettacoli verranno riproposti tra un anno. Le prime richieste al Comune sono giunte ad inizio aprile. Per nessuno degli eventi ‘saltati’ a causa del Coronavirus è previsto il rimborso del biglietto. I tagliandi saranno validi e saranno utilizzati nella nuova data.

L’organizzazione avrebbe già individuato le nuove date dei due concerti da programmare entrambi a luglio del 2021. Il 3 luglio è quella prevista per il grande ritorno di Tiziano Ferro mentre il giovane cantautore Ultimo, già sold out, dovrebbe esibirsi tra il 15 e il 20 luglio. 

La vera incognita è rappresentata dal bando per la gestione pluriennale del Franco Scoglio. Gli organizzatori aspettano una risposta certa e hanno già provveduto a scrivere una lettera all’amministrazione, ai consiglieri comunali a Confcommercio e Confesercenti. Il rischio è che i concerti si facciano in un’altra città, Catania ad esempio, procurando un danno economico a circa 800 lavoratori messinesi, 30 ditte locali e poi la rinuncia a oltre mille pernottamenti in strutture ricettive della città.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione