Rifiuti e comuni commissariati, la commissione antimafia querela il giornalista Borrometi

29 Aprile 2020 Mondo News

La commissione antimafia dell'Ars ha dato mandato all'unanimità al suo presidente, Claudio Fava, di agire a tutela della reputazione dell'istituzione e di presentare querela per diffamazione nei confronti del giornalista Paolo Borrometi.

Il giornalista ragusano, direttore del blog "La spia", era stato nei mesi scorsi audito dall'Antimafia, insieme ad altri cronisti, perché nel 2015 si era occupato della questione rifiuti, in particolare a Scicli, Comune poi commissariato. A una domanda dell'Antimafia sulle ragioni per cui a quel tempo non avesse dato notizia di un manifesto a sostegno del sindaco di Scicli Francesco Susino, firmato da intellettuali, Borrometi aveva detto di ricordare che la pubblicazione era avvenuta e che avrebbe fatto pervenire all'Antimafia l'articolo in questione. "I funzionari della Commissione - osserva Fava - l'hanno più volte sollecitato a spedire il testo, ma senza esito. L'ultima telefonata risale alle 11.11 del 2 marzo scorso. Alle 11.57 l'articolo - fino a quel momento introvabile - compare nell'archivio del sito".

Dopo questa osservazione Borrometi ha annunciato querela nei confronti di Fava perché, secondo lui, avrebbe detto il falso.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione