«Accertamenti tecnici non ripetibili»: L’omicidio di Lorena Quaranta, in campo il Ris

15 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Il pubblico ministero della Procura di Messina, Roberto Conte, ha disposto i cosiddetti «accertamenti tecnici
non ripetibili» nell'ambito dell'inchiesta a carico di Antonio De Pace, il ventottenne calabrese arrestato dopo aver confessato di aver ucciso la fidanzata Lorena Quaranta a Furci Siculo, tra il 30 e il 31 marzo. Tutti gli oggetti sequestrati nella casa dove è stato consumato il brutale omicidio saranno al vaglio degli esperti del Reparto di investigazioni scientifiche dell'Arma dei carabinieri.

Le operazioni si svolgeranno questa mattina nei laboratori del Ris di Messina. Il legale dell'indagato Bruno Ganino e quello dei familiari della ragazza, l'avvocato Giuseppe Barba, potranno partecipare alle operazioni anche nominando un proprio consulente di parte.

Nonostante la confessione dell'uomo, rimangono alcune perplessità in merito all'omicidio, soprattutto in relazione al movente.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione