Addio al compagno Gino Savoja

2 Giugno 2020 Cronaca di Messina
Nella notte è venuto a mancare Luigi Savoja, Dirigenti Regionale di Articolo Uno. Di seguito un ricordo di Gino, della sua storia e del suo impegno, di Domenico Siracusano, segretario provinciale di Articolo Uno.
«Nel giorno della Festa della Repubblica, la notizia della scomparsa del compagno Gino Savoja ci riempie di tristezza e mestizia.​ Giovanissimo studente universitario, originario di Francavilla di Sicilia, aderisce al Partito Comunista Italiano. Dirigente politico, nella grande comunità del PCI è stato vicino alle posizioni dei “migloristi” Emanuele Macaluso e Giorgio Napolitano, con cui condivideva la passione per il “panama”.​ ​
Riformista vero e convinto dopo l’esperienza del PDS e dei DS, e una breve parentesi del PD, è stato tra i fondatori a Messina e in Sicilia di Articolo Uno di cui era dirigente regionale.
All’impegno politico ha sempre affiancato quello sindacale. Per anni è stato l’anima della CIA, Confederazione Italiana Agricoltori. Accanto a braccianti, contadini e allevatori ha condotto le sue battaglie con un’attenzione particolare, negli ultimi anni,​ alla tutela e alla prevenzione del dissesto idrogeologico.
Del compagno Savoja ci rimane la convinzione e l’ostinazione nel perseguimento dei suoi ideali, la necessità di approfondire e scandagliare le questioni, la determinazione nel cercare sintesi e mediazione. Non dimenticheremo i suoi sorrisi e il suo affetto, ma anche il suo sarcasmo.
Con lui se ne va un pezzo di storia della sinistra messinese, e non solo. A ciascuno di noi l’impegno di portare avanti quella strada che Gino ci ha saputo indicare». 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione