Omicidio Raciti: Speziale trasferito nel carcere di Messina

4 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Si terrà domani davanti al Tribunale di sorveglianza di Caltanissetta, in videoconferenza su piattaforma social, l’udienza sulla richiesta dell’avvocato Giuseppe Lipera di scarcerare, con l’affidamento in prova o gli arresti domiciliari, il proprio assistito Antonino Speziale che sta espiando, dal 14 novembre 2012, otto anni di reclusione e che il fine pena, per questa sentenza, è previsto per il dicembre di quest’anno. Intanto oggi il detenuto è stato trasferito nel carcere di Messina.

Speziale è stato condannato per l’omicidio preterintenzionale dell’ispettore capo della polizia Filippo Raciti, morto il 2 febbraio 2007 negli scontri tra forze dell’ordine e ultras rossazzurri durante il derby di calcio Catania-Palermo allo stadio Massimino.

Il legale, nella richiesta, sostiene che Speziale in carcere ha tenuto una condotta regolarissima, dimostrandosi pronto per un concreto percorso di reinserimento sociale e non è soggetto socialmente pericoloso.

“Auspico che questo calvario per questo povero ragazzo, anzi era un ragazzo ora è un uomo, possa finire nei prossimi giorni”, ha commentato l’avvocato Lipera.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione