Messina: Ivan Cutè, Presidente della V Municipalità, lascia Forza Italia

11 Giugno 2020 Politica

Continua l’emorragia in Forza Italia. Anche il giovane presidente della quinta Municipalità del Comune di Messina, Ivan Cutè, lascia gli azzurri dopo due anni dal trionfo elettorale che lo aveva visto raccogliere 8651 voti nel partito di Berlusconi. “Purtroppo son venuti a mancare i punti di riferimento che mi hanno consentito, in tanti anni, di svolgere a pieno il mio impegno politico. Un impegno che nasce nell’Università dove ho avuto la possibilità di svolgere i massimi ruoli di rappresentanza nel Consiglio di Amministrazione d’Ateneo prima, e nel C.d.A. dell’E.R.S.U. dopo, proseguendo oggi, nella Presidenza di una delle Circoscrizioni più importanti e centrali di Messina. Lascio un partito che ha subito negli anni un profondo cambiamento “continua il Presidente”; avevo aderito ad una forza politica capace di dare ascolto al territorio, e capace, soprattutto, di dare la possibilità di partecipare a chiunque, mentre oggi il Coordinamento Regionale ha trasformato Forza Italia in club esclusivo nel quale sono rimasti a far parte solo i pochi parlamentari nazionali nominati che non hanno mai preso un voto sul territorio e che sono lontani anni luce dai problemi reali del territorio che amministro. Ho sperato invano in un cambio di rotta che non è mai arrivato, per questo insieme al mio gruppo, dopo la fuoriuscita dell’on. Nino Germaná, ho deciso di lasciare Forza Italia per poter riprendere un rapporto diretto con i nostri elettori e soprattutto senza il fardello di un simbolo ormai privo di contenuti e di progettualità politica”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione