Riforma Csm, Ardita: ”Sono venuti meno gli obbiettivi iniziali”

26 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

di AMDuemila – “La riforma del Csm aveva due obbiettivi quello di dividere politica e giustizia, mentre il secondo dare una nuova legge elettorale al Csm per eliminare o ridurre il potere delle correnti. Con riguardo al primo profilo, adesso sembrerebbe venuta meno uno dei presupposti e cioè il fatto di impedire che chi fa politica arrivi direttamente nel Csm e questo non sembra corrispondere agli obbiettivi iniziali”. E’ così che si è nuovamente espresso il consigliere togato del Csm, Sebastiano Ardita, in un’intervista a SkyTg24, riguardo la nuova proposta di legge dell’autogoverno della magistratura. Secondo il magistrato riguardo il profilo della riduzione del potere delle correnti “il progetto non appare assolutamente utile a questo scopo anzi potrebbe finire per rafforzare nella misura in cui si vuol pensare a collegi piccoli territoriali con sistema sostanzialmente uninominale con possibilità di ballottaggio”. “Questo rafforza la struttura delle reti territoriali che sono la struttura portante delle correnti. – ha aggiunto – Quest’ultime sono delle realtà che nascevano come momenti di reazioni ideali. Oggi esistono ancora magistrati che hanno questa dimensione ideale e sono molto pochi, mentre altri si aggregano in correnti per motivi clientelari. Qual è la base di questo potere clientelare? Sono i potentati territoriali che questa legge finisce per rafforzare”. Ardita ha poi spiegato di “capire le buone intenzioni”, ma questo porterebbe “all’effetto opposto e cioè un effetto disastroso nel ridurre il potere delle correnti. Io direi che una volta tanto si potrebbe azzerare questa situazione e fare una reset al sistema attraverso un sistema misto di elezione a sorteggio, quello che credono la maggior parte dei magistrati che non sono iscritti a correnti”. “Un sistema che per una volta tanto consentirebbe la possibilità di elezioni dei sorteggiati di scegliere i migliori, persone che si tengono professionalmente adeguate. – ha concluso il consigliere togato – Di impedire che sia già investito prima delle elezione qualcuno a diventare consigliere superiore. E’ questo il rischio che si corre con questa nuova legge”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione