Torre Faro, ragazzo pestato a sangue da alcuni coetanei ieri pomeriggio. Indaga la polizia

3 Luglio 2020 Cronaca di Messina

Questa volta non c’entra la Movida. E neanche il desiderio di trascorrere una notte di trasgressioni. Ma al centro dell’ennesimo episodio di violenza in città, questa volta nel villaggio di Torre Faro dove ormai in tanti si sono trasferiti per le vacanze, ci sono sempre i giovani. Vittime e carnefici. Un pomeriggio caldo e afoso. Dei ragazzi nei pressi della spiaggia. Poi all’improvviso urla e botte.

I FATTI

Lo avrebbero accerchiato e aggredito in tre, forse in quattro. Lo avrebbero colpito con calci e pugni anche mentre era a terra. Folle aggressione ieri pomeriggio intorno alle 15 a Torre Faro, nella stradina che porta alla spiaggia, di fronte la focacceria Mickey Mouse. Un ragazzino è stato massacrato di botte da almeno tre coetanei, tutti della zona sud di Messina. Sulle cause sta indagando la polizia di Stato che è arrivata sul posto assieme ai carabineri della caserma di Ganzirri.

L’allarme è scattato intorno alle 15, quando alcuni testimoni hanno segnalato al 112 quella che apparentemente sembrava una violenta rissa in corso. Al loro arrivo sul posto, gli agenti hanno trovato il ragazzino con vistose ferite e hanno subito richiesto l’intervento di un’ambulanza del 118.

I poliziotti sono ora al lavoro per cercare di ricostruire i fatti, anche se dalle prime informazioni sembra che l’aggressione sia scaturita per futili motivi. Uno sguardo o una parola di troppo. Quanto basta per aver scatenato istinti bestiali da parte dei minori e il panico tra i residenti.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione