Pd: denunciamo sindaco Messina per istigazione a disattendere leggi. La replica di De Luca

25 Ottobre 2020 Politica

“Denunciamo Cateno De Luca per Istigazione a disobbedire le leggi”. Così, in una nota congiunta, i deputati e componenti della segreteria nazionale del Partito Democratico Carmelo Miceli ed Emanule Fiano e Dario Parrini, senatore Dem presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato.

“Incitare la cittadinanza a disattendere una Ordinanza Regionale sull’ordine pubblico, istigandola ad andare allo scontro totale non è solo un gesto irresponsabile che mortifica le istituzioni, è reato – aggiungono -. In un momento delicato come quello che stiamo vivendo, frasi come ‘da Messina partirà la reazione’, ‘disattendiamo tutti l’ordinanza di Musumeci, ve lo dice il sindaco’, ‘verranno tutti ci vorrà l’esercito, qui si va allo scontro, qui ognuno di noi rischierà qualcosa’, ‘arrestateci tutti’ non possono non chiamare a risponderne chi le ha pronunciate, specialmente se questi è un Sindaco della Cittá metropolitana, cioè uno che dovrebbe collaborare con le altre istituzioni al mantenimento dell’ordine pubblico”.

“Adire le vie legali, quindi, è per noi un atto dovuto – concludono -. Un mezzo necessario a tutelare la democrazia e le istituzioni da chi, scientemente, ha dato ripetutamente prova di volerle offendere, umiliare e sovvertire”.

LA REPLICA DI De Luca.

Non si è fatta attendere la replica del sindaco De Luca. E i toni, come prevedibile, non sono certo pacati: “Questi onorevoli del Partito Democratico, blasonati rappresentanti del 'partito del 27', perché lo stipendio per loro arriva sempre e comunque a prescindere dal COVID, non solo dovrebbero ringraziare i sindaci che in trincea fanno di tutto per evitare quelle comprensibili sommosse contro i palazzi del potere, ma li denunciano pure perché devono continuare a rubare i nostri destini senza essere disturbati".

"Non ho mai avuto paura delle intimidazioni ed ho sempre rilanciato al cospetto dei personaggi in cerca di autore ignoti al popolo perché fanno parte dei lacche’ dei nominati e non di quei degni rappresentanti delle istituzioni eletti dal popolo italiano. Parliamo di cose serie: io non ho esitato nei mesi di marzo e aprile a chiedere il massimo rigore, a differenza di questi sconosciuti senza arte nè parte. Oggi sono in prima linea per pretendere che chi rispetta le estemporanee imposizioni del governo nazionale e regionale non venga costretto a morire di fame. Altro che istigazione alla disobbedienza!".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione