È morto l’imprenditore Dino Privitera, ‘maestro delle luci’

18 Novembre 2020 Cronaca di Messina

E' morto a soli 50 anni, dopo una lunga malattia, l'imprenditore messinese Dino Privitera, titolare della Messina Audio Service, che ha curato negli anni tantissimi eventi culturali e di spettacolo in città. Veniva definito il 'maestro delle luci" per la sua bravura e professionalità, operando nel settore dei service dell' illuminazione artistica. I funerali saranno celebrati al Duomo di Messina domani alle 11. Dino lascia la sua adorata Adriana ed i figli Giovanni e Claudia: la Sud Services e da alcuni anni Messina Audio Services, dove lavorano anche il padre Gianni ed i fratelli Piero e Damiano.

Numerosi i messaggi di cordoglio, ai quali si è unito l’assessore alla cultura Enzo Caruso, parlando di “una grave perdita per la nostra comunità che resta orfana di un professionista sempre pronto a venire incontro alle esigenze di tutti e a non tirarsi mai indietro”. Fra i tanti a ricordare Dino, sui social, anche l’artista Paride Acacia: “Un caro saluto a Dino Privitera, scomparso prematuramente, che ha “servito” per una vita con il suo service molte delle nostre messe in scena. La prima volta fu per me nel 1988 con la rock band Dick Dastarbly al festival dell’Unità in fiera, l’ultima aimé questa estate con l’ Accademia On Stage nel musical Judas’Death all ‘Arena di Villa Dante. Un eterna battaglia di: “portami il microfono migliore” mettimi l’ impianto al massimo del volume “Dino non sento, alzami la spia”…. P. S. Faceva finta di alzarmela la spia, ma non lo faceva, ed io mi convincevo che lo aveva fatto: trucchi di tecnico”. "I teatri presto o tardi riapriranno. Ma stavolta non ci saranno le tue luci a illuminarne le scene. Ciao grande Dino", questo il ricordo del regista messinese Valerio Vella.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione