Messina, sequestro manufatto sul viale Regina Elena. Le precisazioni del legale dell’indagato

9 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

In merito al sequestro giudiziario operato da parte della Polizia Municipale di un manufatto abusivo realizzato sul viale Regina Elena e della relativa denuncia del responsabile dell’abuso, riceviamo dall’Avv. Francesco Ponzio, quale difensore dell’indagato proprietario del manufatto in questione, la seguente precisazione che pubblichiamo integralmente:

“Gent.mo Sig. Direttore, In merito alla notizia da voi diffusa nella giornata di ieri relativa al sequestro del manufatto abusivo sito sul viale Regina Elena e della conseguente denuncia del responsabile dell’abuso, lo scrivente Avv. Francesco Ponzio, quale difensore dell’indagato proprietario del manufatto in questione, precisa che l’attività della Polizia Municipale di Messina era stata già espletata nel mese di aprile u.s. e che adesso è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria la quale acclarerà se il proprio assistito è o no responsabile dell’abuso, se abuso c’è stato.

Dunque, non si comprende come si sia potuta dare una notizia del genere a distanza di circa otto mesi dall’accadimento del fatto.

Senza entrare ulteriormente nel merito dei fatti, perché coperti da segreto istruttorio, si resta in attesa dei provvedimenti giudiziari nei quali si confida per dimostrare l’estraneità del proprio assistito e la sua totale innocenza. La invito a pubblicare la presente mia precisazione, per una più corretta informazione, ovvero a rimuovere l’articolo giornalistico perché incompleto e fuorviante. Distinti Saluti, Avv. Francesco Ponzio

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione