Il Co.A.S contro il dirigente generale Asp: La Paglia non ha i requisiti per essere dirigente

18 Dicembre 2020 Politica

Continuano le polemiche sul ruolo del direttore dell'Asp Paolo La Paglia, nel mirino questa volta del Coordinamento di Azione Sindacale Co.A.S. A essere in discussione questa volta è l'esperienza maturata dal direttore nel settore della "Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base"  a Caltanissetta che gli è fruttata proprio la nomina alla dirigenza dell'Asp di Messina.

Secondo i sindacalisti dall'analisi dei diversi curricula di La Paglia l'incarico ricoperto di primario all'Asp di Caltanissetta, dal 1999 al 2018 come Direttore medico di Struttura Complessa (ex dirigente di II° livello,) è illegittimo. Per poter essere ammesso a quella selezione doveva avere maturato dieci anni di servizio alla data di pubblicazione del bando.

La Paglia non avendo all’epoca i 10 anni di anzianità di servizio nella disciplina oggetto della selezione, era privo dell’unico requisito che a lui avrebbe consentito di partecipare alla selezione, perciò non poteva essere “ammesso” né essere nominato Primario. La richiesta avanzata alla Regione è l’immediata revoca in autotutela della nomina a Direttore Generale dell’Asp di Messina. La questione, inoltre, sarà dai sindacalisti presentata tramite la Guardia di Finanza per essere indirizzata alla procura di Caltanissetta e Palermo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione