Sequestro giudiziario di 50 kg di merce in pessimo stato di conservazione in un supermercato della zona nord

27 Dicembre 2020 Cronaca di Messina
Nella giornata del 26 dicembre è stata intensa l'attività della polizia specialistica guidata dal Comandante Vicario Commissario Giardina Giovanni. L'attività si è concentrata sul controllo del rispetto delle prescrizioni previste dalle misure anti COVID. Nello specifico sono stati controllati 50 veicoli e 35 persone, con l’accertamento di due violazioni del Dpcm per spostamenti fuori comune che non rientravano nei casi previsti.
È proseguita l'azione di contrasto all'ambulantato abusivo, con la verbalizzazione di due ambulanti per mancato rispetto della legge regionale sul commercio. Inoltre, la Polizia Ambientale ha effettuato diversi accertamenti di illeciti ambientali ai sensi dell'art. 192 del dlgs 152/2006 e dell’ordinanza sindacale 232/18 (5 verbali da 450€ e 3 da 600€) ed infine la Polizia Amministrativa si è occupata del controllo della regolare attività di vendita al dettaglio di un supermercato della zona Nord della città, riscontrando gravi violazioni nella tracciabilita' degli alimenti venduti, nonché il pessimo stato di conservazione, tali da renderli inidonei al consumo (formaggi, salumi e carni confezionate). Per quest'ultimi e' stato disposto il sequestro giudiziario per una quantità di circa 50 kg di merce. Per i titolari dell'attività commerciale è scattata la segnalazione all’autorità giudiziaria e amministrativa ai sensi della legge 283/1962 e le sanzioni amministrative ai sensi del D. lgs n. 231/2017.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione