Arrestato Turi Ercolano: si cucì le labbra in aula al Maxiprocesso di Falcone e Borsellino

23 Febbraio 2021 Mondo News

È l’imputato del Maxiprocesso che negli anni ’80 guadagnò notorietà perché si presentò all’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo con le labbra cucite con una spillatrice. Più di trent’anni dopo torna agli arresti Salvatore Ercolano detto “Turi”, 70 anni, esponente di spicco del clan catanese Santapaola-Ercolano. I carabinieri del Comando provinciale di Torino lo hanno posto ai domicialiari. E’ accusato di porto e detenzione illegale di armi: girava armato di pistola. Già condannato per mafia nel maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Ercolano era libero dopo alcuni decenni trascorsi in carcere.

Cugino del boss Nitto Santapaola, Ercolano è considerato anch’egli un ‘capo’. Divenne celebre a metà degli anni Ottanta, per la protesta che mise in scena in aula durante il maxiprocesso, a cui si presentò con le labbra cucite con una spillatrice. Le indagini, condotte dai militari del Nucleo Investigativo tra marzo e maggio 2019, hanno consentito di accertare che in più occasioni Ercolano ha girato sul territorio nazionale armato di pistola. L’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Gip di Torino su richiesta della locale Procura della Repubblica – Dda, è stata eseguita ieri mattina dai carabinieri.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione