Catania, cantante neomelodica denunciata. Con i soldi del reddito di cittadinanza incide un disco

12 Ottobre 2019

Agatina Arena, cantante neomelodica di Librino, popoloso quartiere di Catania, è stata denunciata assieme a due dei suoi familiari per avere percepito indebitamente il reddito di cittadinanza. Ma c’è di più: con parte di quei soldi avrebbe realizzato il sogno della sua vita, ovvero l’incisione di un cd con quattro brani già pubblicati. E in cantiere ci sarebbe anche il quinto pezzo inedito di prossima pubblicazione.

Sono stati gli agenti del commissariato di Librino a fare irruzione in un minimarket, senza licenza, in uno stabile di viale San Teodoro all’interno di uno stabile, occupato abusivamente, di proprietà del comune. All’interno i cartelloni pubblicitari con il volto di Agatina che pubblicizza il suo primo lavoro discografico con un nuovo album di prossima uscita nei primi giorni di novembre. La donna sentita dai poliziotti ha dichiarato di essere un’artista neomelodica e che aveva investito tremila euro per incidere, con una nota casa discografica, 4 brani, già pubblicati, e un quinto inedito in uscita, e che aveva ancora bisogno di altri soldi per incidere l’intero album contenente 8 brani.

Dai controlli la polizia ha anche rilevato che nel nucleo famigliare di Agata Arena, tre persone lavoravano nel supermercato abusivo nonostante avessero dichiarato all’Inps di essere completamente disoccupati. Una falsa dichiarazione che ha permesso ad uno dei tre, ad Agatina, di richiedere e ottenere il reddito di cittadinanza in una proiezione di 18 mensilità a partire dal mese di luglio, per un importo mensile di euro 709,99. Sempre la cantante ha dichiarato di essere residente presso una casa popolare assegnatagli dal comune di Belpasso mentre invece risultava essere domiciliata a Catania in viale San Teodoro.

Agata Arena è figlia Alessandro Arena (anche lui denunciato assieme alla figlia e alla moglie per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche), quest’ultimo è fratello di Giovanni Arena, il super latitante catturato nel 2011 a Librino dopo 18 anni di latitanza.

In una sua canzone dal titolo ‘Quartiere Librino’, la video clip inizia con caduta per terra di proiettili e un uomo che imbraccia un mitra. Agatina Arena nel suo profilo facebook condivide diverse foto e frasi associate alla fiction “La Regina di Palermo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione