PADRE ZANOTELLI: "PERCHE NESSUNO PARLA DELLE SPESE MILITARI? I SOLDI SPESI IN ARMI SONO PANE TOLTO AI POVERI"

27 Agosto 2011 Mondo Africa Mondo News

Nella discussione sulla manovra bis, cio' che lascia ''esterrefatto e' il totale silenzio di destra e sinistra, dei media e dei vescovi italiani sul nostro bilancio della Difesa''. Lo scrive il padre comboniano Alex Zanotelli. ''E' mai possibile - si chiede il sacerdote - che in questo paese nel 2010 abbiamo speso per la difesa ben 27 miliardi di euro?''. Eppure, ricorda, ''e' Gesu' che ha inventato la via della nonviolenza attiva. Oggi nessuna guerra e' giusta, ne' in Iraq, ne' in Afghanistan, ne' in Libia. E le folle somme spese in armi sono pane tolto ai poveri, amava dire Paolo VI''. ''Da cristiani - si chiede Zanotelli - come possiamo accettare che il governo italiano spenda 27 miliardi di euro in armi, mentre taglia 8 miliardi alla scuola e ai servizi sociali?''. ''E' mai possibile - prosegue - che a nessun politico sia venuto in mente di tagliare queste assurde spese militari per ottenere i fondi necessari per la manovra invece di farli pagare ai cittadini? ... Perche' i nostri pastori non alzano la voce e non gridano che questa e' la strada verso la morte?''. Zanotelli conclude ricordando la tradizionale marcia Perugia-Assisi del prossimo 25 settembre e l'incontro interreligioso per la pace di Assisi, presieduto da papa Benedetto XVI, previsto per il 27 ottobre: da li', scrive, ''ci aspettiamo un grido forte di condanna di tutte le guerre e un invito al disarmo''.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione