Reggio Calabria, lutto nel mondo accademico: è scomparso il docente messinese Sebastiano Ciccarello

26 Settembre 2017 Cronaca di Messina

REGGIO CALABRIA. Il Rettore, a nome dell'intero Ateneo, partecipa con dolore all'improvvisa scomparsa del prof. Sebastiano Ciccarello, emerito di Diritto Civile e Preside della Facoltà di Giurisprudenza fin dalla sua istituzione.
La camera ardente sarà allestita oggi, 26 settembre, nell'Aula del Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia, Via Tommaso Campanella 38/a.
Le attività didattiche e gli esami del Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia vengono sospesi.
Nato a Caltagirone, il prof. Sebastiano Ciccarello é sempre vissuto a Messina dove ha compiuto tutti gli studi fino alla laurea in Giurisprudenza, conseguita presso l’Ateneo Peloritano con una tesi in Diritto civile sotto la guida del prof. Salvatore Pugliatti.
L’influenza esercitata dal maestro e la sensibilità da lui dimostrata per settori della cultura spesso assai lontani dal diritto (letteratura, arte, ecc.), unitamente agli insegnamenti di un illustre latinista di origini reggine (il prof. Morabito) ne hanno determinato la formazione facendogli inquadrare il diritto non solo in una dimensione tecnica ma anche umanistico-generale e ciò anche nel rispetto di alcune connotazioni di maestri della scuola messinese.
Dopo i primi anni di formazione a Messina, borsista prima, assistente poi, qualche anno dopo la morte di Pugliatti la sua attività si sposta in Calabria, Regione con cui stabilisce e consolida un legame profondo, riconoscendo alla Terra e all’ambiente qualità e stimoli di non poca rilevanza, pur senza dimenticare le proprie origini accademiche.
A Catanzaro, dove ha insegnato per più di venti anni, ha ricoperto l’incarico di direttore del Dipartimento dal 1989 al 1995 e dal 1995 al 2001 di preside della Facoltà di Giurisprudenza.
In quella veste si attivò per realizzare a Reggio Calabria il Polo didattico di Giurisprudenza.
Un periodo particolarmente cruciale che lo vide impegnato con le Istituzioni locali per garantire la sopravvivenza logistica e finanziaria di quell’embrione di Facoltà che tale divenne poi con l’approvazione del Ministero, avendo la struttura raggiunto le condizioni per accedere all’ambito riconoscimento.
Ciò avvenne nel 2001, anno in cui il prof. Ciccarello fu eletto preside della Facoltà che guidò anche per il mandato successivo. In questo periodo la Facoltà cresce e si sviluppa, e si trasferisce in una più adeguata e prestigiosa sede.
Docente di Diritto delle Successioni presso la Scuola del Notariato dello Stretto “Salvatore Pugliatti” dal 1985 al 2011, il prof. Ciccarello ricopre a Reggio Calabria l’incarico di Direttore della Scuola per le professioni legali dal 2001 al 2012 da lui stesso voluta, e di coordinatore del Dottorato in Diritto Civile, da lui stesso istituito.
È autore oltre che di numerosi scritti minori (tra i quali alcune voci dell’Enciclopedia del Diritto), di lavori monografici quali: Privilegio del credito e uguaglianza dei creditori, Milano 1983; Dovere di protezione e valore della persona, Milano 1988; Persona e successione ereditaria, Napoli 1994..
Componente del Comitato di Direzione della rivista giuridica Studium iuris; condirettore della Rivista Diritto di famiglia e delle persone; componente del Comitato scientifico della rivista In iure praesentia, coordinatore regionale del SISDIC, consulente giuridico del Consiglio Regionale della Regione Calabria, componente del Consiglio Giudiziario della Corte d’appello di Reggio Calabria.
Durante la sua carriera, il prof. Ciccarello, pur avendo ricoperto numerosi e prestigiosi incarichi accademici, non ha mai trascurato insegnamento - negli Atenei di Messina (Diritto della Navigazione, Diritto industriale, Istituzioni di diritto privato), Catanzaro (Istituzioni di diritto privato, Introduzione alle Scienze Giuridiche) e Reggio Calabria (diritto civile) - e ricerca, considerati da lui il senso vero di quello che ama definire “il mio mestiere”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione