OPERAZIONE ANTI ASSENTEISMO “FREE WORK” DELLA GDF AL COMUNE DI TORREGROTTA

20 Marzo 2019 Inchieste/Giudiziaria

I finanzieri della Compagnia di Milazzo hanno denunciato per truffa ai danni dello Stato alcuni dipendenti in servizio presso il Comune di Torregrotta, nell’ambito dell’operazione ribattezzata “FREE WORK”, diretta dalla Procura della Repubblica di Messina. L’indagine si è protratta per alcuni mesi con l’ausilio di telecamere collocate agli ingressi dell’Ente Pubblico, che hanno consentito di monitorare costantemente l’ingresso della sede principale e della sede decentrata del comune, ivi compresi gli strumenti per la rilevazione delle presenze del personale. Grazie alle videoriprese e all’attività di pedinamento è stato possibile rilevare che cinque dipendenti comunali in servizio presso il Comune erano soliti assentarsi arbitrariamente dal proprio posto di lavoro. Le indagini delle Fiamme Gialle mamertine hanno consentito di accertare che i dipendenti pubblici, nonostante risultassero formalmente in servizio, arrivavano in ritardo, andavano via in anticipo dal posto di lavoro, ovvero uscivano per dedicarsi a faccende personali. Dagli accertamenti della Guardia di Finanza è emerso che taluno dei dipendenti trascorreva gran parte del tempo del lavoro al bar, mentre altri si recavano in luoghi privati per faccende personali, come ad esempio portare a passeggio i cani. Attraverso i suddetti comportamenti, i dipendenti assenteisti, pur risultando formalmente in servizio, percepivano la retribuzione ordinaria per l’intera giornata, e con la loro assenza creavano un rallentamento nell’espletamento delle pratiche. La Procura della Repubblica di Messina, condividendo l’esito delle indagini svolte dalla Guardia di Finanza, ha emesso l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di cinque dipendenti che avevano posto in essere le condotte più gravi. I dipendenti pubblici coinvolti nell’indagine saranno chiamati a rispondere del reato di truffa aggravata ai danni dello Stato. L’operazione rappresenta un ulteriore esempio dell’impegno della Guardia di Finanza anche nel comparto della tutela del buon andamento della Pubblica Amministrazione e del patrimonio pubblico contro gli illeciti commessi da pubblici dipendenti.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione