Messina, gli addetti alla discarica che salvano i libri dal macero (e li regalano)

6 Aprile 2019 Culture

Buttare una copia della Bibbia tra i rifiuti potrà essere considerato un atto sacrilego. Ma anche sbarazzarsi nello stesso modo di capolavori della letteratura mondiale è un gesto non meno increscioso. Nell’ultimo anno un gruppo di volenterosi addetti alla nettezza urbana di Messina hanno salvato dalla distruzione non solo copie della Bibbia e ponderosi romanzi ma ogni genere di libro, manuale e persino albi di fumetti, facendo nascere una piccola biblioteca in una delle discariche della città. Così che quelle «schegge» di cultura si vedono garantita una seconda vita e vengono messe a disposizione – gratuitamente – di chiunque. L’iniziativa della «raccolta differenziata» per i libri è piaciuta, il tam-tam ha fatto in fretta il giro di Messina e la piccola biblioteca va via via arricchendosi. Lo racconta in un articolo sul Corriere della Sera Claudio Del Frate.

«Uno spreco da evitare»

Pistunina è una delle sei «isole ecologiche» funzionanti nella città dello Stretto e gestite da Messinaservizi, l’azienda pubblica incaricata della raccolta dei rifiuti : ogni anno circa 20.000 persone si recano qui portando oggetti ingombranti, rottami, materiali di scarto. Anche carta. Ed è nel mare di fogli stropicciati che Carmelo Spadaro e Francesco Carpenzano, due semplici addetti alla discarica, vedono lampi di cultura laddove altri hanno visto roba di cui disfarsi. «Amo leggere e e ho pensato che dovevamo trovare un modo per evitare questo spreco» ha raccontato Carmelo alla tv locale Tcf che ne ha raccontato l’iniziativa. «Hanno dato vita al salvataggio dei libri in maniera del tutto spontanea – aggiunge Giuseppe Lombardo, presidente di Messinaservizi – andando di persona a fare la cernita. I libri in buono stato venivano recuperati e salvati dalla distruzione. Poi sono stati recuperati anche alcuni scaffali, un mobile che sono diventati una biblioteca a disposizione di tutti».

«Iniziativa da estendere»

Il «tesoretto» di volumi è oggi piazzato all’ingresso dell’isola ecologica di Pistunina : la gente va e viene, si ferma curiosa e se gli va preleva un libro. Carmelo e gli altri colleghi continuano la loro opera di salvataggio della parola scritta. «E’ un’iniziativa di cui siamo orgogliosi – commenta Lombardo – che condividiamo e speriamo possa estendersi anche agli altri punti di raccolta di Messina».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione