#FOTO E VIDEO – MESSINA NON SI LEGA. IN CENTINAIA IN PIAZZA UNIONE EUROPA

21 Dicembre 2019 Politica

Posted by Enrico Di Giacomo on Saturday, December 21, 2019

 

 

“Il 14 dicembre Piazza Maggiore era per gran parte riempita da meridionali emigrati”. Con queste parole, Gianmarco Lo Drago, studente di ingegneria, ha infiammato le sardine messinesi. Quasi duemila persone hanno riempito ieri dalle 17.30 Piazza Municipio a Messina, per una manifestazione che sullo Stretto ha visto imperante, a fianco dell’antisalvinismo, il tema dell’emigrazione: “È stato importante fare in modo che in questa piazza ci fosse anche chi in questi giorni ha fatto ore e ore di viaggio, perfino con disavventure: la nostra massima solidarietà va per esempio a chi oggi è stato lasciato per strada come pacco postale: questo è il Paese in cui viviamo e quello dal quale dobbiamo riuscire a difenderci e a rispondere”, ha continuato lo studente siciliano, facendo riferimento alla vicenda che ha riguardato alcuni passeggeri di Pullman diretti in Sicilia ma lasciati a piedi in Calabria da conducenti che avevano terminato l’orario di lavoro. “Benvenuta Liliana”, questo il manifesto che sovrastava la folla indirizzato alla senatrice Segre, che ha ricevuto da poco la cittadinanza onoraria di Messina. A partecipare alla manifestazione messinese anche il resto della provincia: “Sono di Milazzo e da lì siamo venuti in 50 sul pullman ma ce n’erano anche con messi privati”, ha raccontato Masino Cavallaro. Da Milazzo per dare un segnale politico anche in vista delle amministrative: “Lega e Musumeci hanno fatto l’accordo in vista delle prossime elezioni a Milazzo – ha continuato Cavallaro – e noi siamo qui a gridare che Milazzo non si Lega”. Presenze anche dai Nebrodi “dove lo spopolamento sta inginocchiando molti paesi come Longi, Ficarra Sant’Angelo di Brolo, posti che hanno un altissimo potenziale”, ha sottolineato invece Emanuele Costa, arrivato a Messina per sventolare il cartello “I Nebrodi non si legano”. Una piazza di sardine riempita per la gran parte da studenti e da fuorisede. Ma tra la folla non mancavano gli esponenti dell’associazionismo e i politici: dal M5s al Pd messinese, tutti rigorosamente piazzati dietro le quinte della manifestazione, organizzata dagli studenti. Presenti, tra gli altri, gli ex sindaci Renato Accorinti e Maria Teresa Collica, gli ex assessori Saitta, Ialacqua e Signorino. E poi il segretario della Cgil Giovanni Mastroeni, il presidente dell’Anpi ed ex deputato regionale Federico Martino, rappresentanti dell’Arci e alcune vecchie facce del Pd come Tani Isaja, vice commissario del PD e assessore nella giunta di Francantonio Genovese.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione