Cgil e Uil denunciano, “Mezzi veloci nello Stretto, zero controlli a Villa e Reggio”

30 Marzo 2020 Mondo News

Le segreterie di Filt Cgil e Uiltrasporti hanno segnalato già 5 giorni fa, con nota formale inviata a tutte le Istituzioni competenti, la mancanza di adeguati controlli sanitari agli imbarchi dei mezzi veloci  Blu Jet nei porti di Villa San Giovanni e Reggio Calabria.

Ad oggi constatiamo che nulla è cambiato nonostante l’emergenza sanitaria stia deflagrando anche in Sicilia. Ci risulta che in queste ore un componente degli equipaggi di Blu Jet sia risultato positivo al Covid 19 e pertanto invitiamo gli enti preposti e l’azienda a porre subito in essere le procedure previste a tutela dei restanti lavoratori dell’equipaggio o di quanti possano esserne stati a contatto durante il servizio.

Resta anche senza riscontro la posizione sanitaria  di un viaggiatore sottoposto lo scorso 26 marzo a controlli medici presso l’ospedale Papardo dopo essere sbarcato a Messina con febbre alta e controllato dal cordone sanitario dislocato UNICAMENTE al porto di Messina.

Il persistere di inadeguati o assenti controlli medico-sanitari presso gli imbarchi di Villa SG  e Reggio Calabria, rendono insufficienti gli sforzi posti in campo dalle aziende a tutela dei dipendenti.

Nonostante le segnalazioni alle Istituzioni di questi sindacati, il persistere di tale situazione sarebbe una colpevole omissione ancor più grave se porterà a conseguenze per la salute dei lavoratori marittimi o dell’indotto.

Se con urgenza le Istituzioni competenti non daranno adeguato riscontro ponendo in essere gli interventi necessari, Filt Cgil e Uiltrasporti non escludono , a tutela della salute e della sicurezza di chi opera, a mare e a terra, che si procederà  al blocco cautelativo di tutte le attività di traghettamento veloce tra le sponde dello Stretto.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione